Giovedì 19 Luglio 2018 | 02:23

una lettera

Cronaca di un day hospital
all'ospedale Perrino di Brindisi

«Non trattate in questo modo i malati, i sofferenti, le persone anziane, che sono le più fragili, perché noi siamo poveri, perché i ricchi stanno diventando sempre più ricchi, ma non saremo mai dei pezzenti»

ospedale Perrino

BRINDISI - «A casa nostra si mangia ancora da Dio» è la conclusione di una lettera al giornale vergata dalla «incazzatissima G. Poddi» che non ha esitato un attimo a redigere la sua «cronaca di un day hospital nel reparto di oculistica dell’ospedale “Perrino” di Brindisi» e consegnarla al cronista.

«Ricovero ore 7.30, il personale infermieristico con i soliti preliminari e poi ci invitano a cambiarci perché di lì a poco saremo portati in sala operatoria», scrive e aggiunge: «Ore 8 e 45, siamo già sulle barelle curati e coccolati da infermieri veramente deliziosi, sia uomini sia donne».

«Alle 10.45 - riprende - tutto finito e, fatti sedere su sedie a rotelle del 1919 (la mia addirittura priva di poggia piedi), siamo ritornati al reparto. E qui comincia la vera avventura!». E la signora Poddi inizia a raccontare: «Ci avvisano che data l’età dobbiamo rimanere fino alle 17 sotto osservazione - scrive -. Ci fanno accomodare nell’ultima stanza completamente vuota, con 3 poltrone sgangherate e 2 sedie di corridoio».

Riprende: «A questo punto avremo pure bisogno di un bagno. Apriamo la porta di quest’ultimo e... sorpresa!!!: i sanitari ci sono ma completamente smantellati. Dobbiamo arrangiarci con il bagno del corridoio. A mezzogiorno - scrive ancora - con tutta la gente che è passata di lì, è ormai un cesso maleodorante, quindi... “arrangiatevi”!».

È la stessa signora ad avvertirci che «non finisce lì», perché scrive: «Il più bello arriva col cibo. Ci portano in una busta trasparente un paninone che neppure il coltello di plastica riuscirà a tagliare. Dovremo usare le mani. Quattro fette di prosciutto cotto colore viola melanzana, un succo di frutta di pera e una scatoletta di frutta passata. Ora pensate che avremmo voluto un pranzo da chef? - chiede - Assolutamente no! - risponde - ma una minestrina calda sì, visto che eravamo a digiuno dalla sera precedente».

E dalla narrazione alla conclusione: «Chiudo con un appello all’amministrazione dell’ospedale “Perrino”. Non trattate in questo modo i malati, i sofferenti, le persone anziane, che sono le più fragili, perché noi siamo poveri, perché i ricchi stanno diventando sempre più ricchi, ma non saremo mai dei pezzenti. A casa nostra si mangia ancora da Dio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Brindisi, in mare dilaga l'alga tossica: sconsigliata balneazione

Brindisi, in mare dilaga l'alga tossica: sconsigliata balneazione

 
Brindisi, omicidio Di Coste, il pm chiede l'ergastolo: assolti due fratelli

Brindisi, omicidio Di Coste, il pm
chiede l'ergastolo: assolti due fratelli

 
Erano finiti sotto processo per aver trasmesso una partita

Erano finiti sotto processo
per aver trasmesso una partita

 
Furti in appartamento, spaccio e armi: 15 arresti nel Brindisino

Furti in appartamento, spaccio e armi: 15 arresti nel Brindisino

 
Porto di Brindisi, premi gonfiatiall'Autorità: assolti due dirigenti

Porto di Brindisi, premi gonfiati
all'Autorità: assolti due dirigenti

 
Latiano, cani abbandonati:il servizio costa 40mila eurol’Amministrazione adotta Max

Latiano, cani abbandonati:
il servizio costa 40mila euro
l’Amministrazione adotta Max

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
Oria, due baby rapinatori incastrati dal Dna: arrestati

Oria, due baby rapinatori incastrati dal Dna: arrestati

 

GDM.TV

Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 

PHOTONEWS