Domenica 22 Luglio 2018 | 16:56

Binario Termoli-Lesina Il progetto al Cipe (ma 2 lotti senza soldi)

Binario Termoli-Lesina Il progetto al Cipe (ma 2 lotti senza soldi)
di FRANCO GIULIANO
BARI - Il lungo e ostacolato progetto per il raddoppio ferroviario Termoli-Lesina (32 km ancora a binario unico sulla linea Adriatica) ieri - come aveva assicurato due settimane fa il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio al direttore della Gazzetta, Giuseppe De Tomaso nel corso della visita a palazzo Chigi) ha fatto un fondamentale passo in avanti: il Pre Cipe (l’organo tecnico presieduto dal sottosegretario Luca Lotti) ha iscritto, con parere tecnico favorevole, il progetto all’esame della prossima seduta del Cipe.

E ha detto sì anche alla prescrizione avanzata dalla Regione Molise, che prevedeva la valutazione della modifica di tracciato nei pressi di Campomarino (lotto numero 2), l'eliminazione del viadotto e il trasferimento dei binari dalla costa all’interno, con una galleria naturale di quasi due chilometri e una galleria artificiale di 900 metri.
Proposta questa, diversa rispetto al progetto originario di Rfi che potrebbe far aumentare notevolmente i costi e dunque bloccare l’intera opera.

Per la Regione Molise (nel cui territorio insistono due lotti non ancora finanziati) l’approvazione da parte dell’organo tecnico rappresenta una vittoria politica che «premia la testarda opposizione che ha ritardato di fatto l’avvio del progetto».

Non a caso ieri l’assessore Pierpaolo Nagni ha commentato che «il passaggio al Pre Cipe rappresenta la penultima, ma importantissima fase di una giusta rivendicazione che la Regione Molise, coadiuvata dalle amministrazioni locali di Campomarino e Termoli, ha portato avanti con tenacia e testardaggine al tavolo del Governo».

«Soltanto un anno fa - ha ricordato l’assessore molisano - tutto questo sembrava impossibile ed ora siamo ad un passo da un’azione che rilancerà la nostra costa e il ruolo del Molise».

L'assessore infine conclude che: «Laddove, come sembra, il risultato dovesse andare in porto, sarebbe una vittoria complessiva del governo regionale e del presidente della Giunta Paolo Di Laura Frattura che ha saputo tener testa di fronte alle pressioni della Regione Puglia. Un merito va poi riconosciuto anche al  Presidente del Consiglio Vincenzo Niro che ha condotto l'operazione congiunta con le Regioni dell’Abruzzo e della stessa Puglia».

Non poteva non dirsi soddisfatto anche l’assessore regionale pugliese ai Trasporti, Giovanni Giannini secondo il quale finalmente con «questo atto si conclude, dopo la prossima approvazione da parte del Cipe, il primo passaggio formale per l’avvio dell’intero progetto e l’apertura del cantiere del primo tratto Lesina-Ripalta (106 milioni di euro) in territorio pugliese».

Un primo passo. «Da domani - aggiunge Giannini - bisogna pensare a come reperire le altre risorse necessarie per realizzare gli altri due lotti in territorio molisano. Compreso appunto il lotto numero 2 Termoli-Campomarino per il quale la Regione Molise poneva il veto e per il quale ha presentato una prescrizione che determinerà un incremento dei costi».

Un dettaglio questo sul quale il ministero dell’Economia ieri non ha mancato di fare domande alle quali dovrà adesso rispondere il governo, mettendo mano al portafoglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS