Cerca

Giovedì 26 Aprile 2018 | 23:22

Medici Bari: treni più veloci sono indispensabili per la salute dei cittadini

LA DENUNCIA - Ecco la vergogna delle tariffe
La Serracchiani: ora la battaglia in Europa Il ministro Mauro: serve il coinvolgimento del Governo Due domande all'Authority dei Trasporti dopo la nostra inchiesta COMMENTO - Campagna da portare a Bruxelles di Giuseppe De Tomaso A Pescara il governatore Chiodi: «Guido io il bus per Roma» - di Rita Schena La storia di una ribellione di Franco Giuliano  Il ministro Lupi: questi treni, una vergogna Quando Moretti (Fs) disse: volete più treni? Pagateli Arriva «Freccia-Rosso» per noleggiare treni veloci Svolta in vista per il raddoppio della Termoli-Lesina Maiorano (Pd): subito il raddoppio
{13:1685"Angeletti con la maglietta della campagna"} // {6:15163"Il bus della Gazzetta a Lecce 1"} {6:15227"2"} // {6:15073"La tappa a Barletta"} - {13:1684"Il video"} // {6:15122"In piazza a Brindisi"},| {5:1634"a Trinitapoli"}, {6:15157"a Bari in via Sparano"} - {13:1687"Direttore De Tomaso"} {13:1686"Mascolo, l'ad della Stp-Bari"} - {6:15224"La firma"} {13:1692" - L'impegno del ministro Lupi"} {13:1701"- Intervista ad Al Bano 1"} {13:1702"- e 2"} {5:1656"L'incontro a Udine"}
Medici Bari: treni più veloci sono indispensabili per la salute dei cittadini
di RITA SCHENA

BARI - «C'è una forte necessità di mobilità in Puglia, da parte di quasi 50mila malati che annualmente si spostano in altre regioni per le cure loro necessarie, per i tanti studenti in medicina che si muovono tra strutture universitarie e concorsi, e anche da parte di colleghi che raggiungono la nostra regione per congressi medici, indispensabili al nostro aggiornamento professionale. Ecco perché sentiamo forte la battaglia della Gazzetta per treni più veloci in servizio sulla dorsale adriatica e siamo qui a testimoniare questa nostra adesione». Filippo Anelli, presidente dell'Ordine dei medici della provincia di Bari sottolinea con forza il perché della presenza di quasi tutto il consiglio direttivo dell'Ordine in Gazzetta per firmare la petizione che il giornale sta portando avanti.

«Serve una azione concentrica per ottenere risultati – spiega il direttore della Gazzetta del Mezzogiorno Giuseppe De Tomaso – una alleanza tra la migliore società civile per fare squadra».
«Noi non ci arrenderemo se non quando otterremo il nostro diritto – sottolinea Franco Giuliano, responsabile della redazione internet della Gazzetta, responsabile della redazione web della Gazzetta e autore del testo dell'appello – perché tra l'altro ci sono almeno due obiettivi facilmente raggiungibili: ottenere il ritorno dei Frecciarossa, che avevamo e ci sono stati tolti, e che permettevano i collegamenti da e per la Puglia in modo più veloce rispetto agli attuali e più lenti Frecciabianca, e semplicemente migliorare le infrastrutture esistenti con un abbattimento di circa un'ora e mezzo per i collegamenti Milano-Bari. Un traguardo che è già possibile ottenere con un investimento di soli 800 milioni di euro».

Le fila delle adesioni di chi si schiera al fianco della Gazzetta incominciano ad essere sempre più imponenti, grazie anche alla massiccia azione di pressione che il giornale sta portando avanti. «Abbiamo esportato questa necessità che non è solo pugliese attraverso tutte le regioni adriatiche – spiega il direttore De Tomaso – ovunque abbiamo trovato istituzioni politiche pronte a schierarsi al nostro fianco, per sanare 150 anni di ritardi e infrastrutture talmente obsolete che nessuno ha potuto obiettare alla liceità della nostra battaglia. Siamo doppiamente felici oggi di avere anche l'Ordine dei medici di Bari al nostro fianco in modo da stringere un patto tra la migliore società civile professionale e la classe politica e dirigente. Servono le forze migliori per risollevare il Mezzogiorno e il nostro giornale si propone come “sindacato del territorio” proprio per riuscirci».

L'obiettivo della Gazzetta è riuscire a portare direttamente a Roma, nel palazzo del Governo, la lunga petizione di chi reclama collegamenti efficienti tra Nord e Sud, una battaglia che si dovrà inoltre portare in Europa dove realmente ci sono i fondi necessari all'opera che altrimenti non potrebbe essere sostenuta solo dallo Stato. Il costo è altissimo: 32 milioni di euro per ogni chilometro dove far viaggiare l’Alta velocità. Intanto nei giorni scorsi si è incassato un altro successo: giovedì ci sarà nella capitale un incontro tra la Regione Molise e la dirigenza di Ferrovie dello Stato per trovare una soluzione alla strozzatura sulla Termoli-Lesina dove il traffico ferroviario viaggia ancora su un unico binario.

«E' inequivocabile la disparità di realtà infrastrutturale tra Nord e Sud – evidenzia il presidente Anelli – ecco perché la nostra presenza qui è quasi un grido per l'uguaglianza. Poterci spostare in maniera più veloce è indispensabile per garantire i nostri pazienti e noi stessi come medici».

«Il vostro ordine professionale ha una gran forza di penetrazione ecco perché vi chiediamo di poter veicolare la nostra raccolta di firme anche attraverso i vostri iscritti e pazienti – chiede, cogliendo immediatamente l'occasione, Giuliano – ci possiamo aggiornare magari tra un mese per verificare il lavoro fatto insieme».
Detto fatto in tempo reale: mentre la proposta veniva lanciata e ripresa con entusiasmo, alcuni dei rappresentanti del consiglio, presenti all'incontro, si collegavano con la pagina web e sottoscrivevano la petizione.

«I tempi di percorrenza ferroviaria attuali, di una lentocrazia assurdamente penalizzante, evidenziano ancora di più l’obbligo di una sorta di risarcimento infrastrutturale – sottolinea De Tomaso – è una battaglia che intendiamo portare in Europa a maggior ragione con le prossime elezioni. E non solo a parole. Chiediamo il coinvolgimento di tutti i parlamentari pugliesi e “adriatici” che andranno a Bruxelles con un impegno scritto per realizzare i lavori di adeguamento».
La battaglia della Gazzetta ha fino ad ora “arruolato” partecipazioni bipartisan, proprio perché l'obiettivo è un servizio di crescita per tutti. «Noi non chiediamo la Tav – sottolinea Giuliano – ecco perché tutti hanno dato la loro entusiastica approvazione. Per l'Alta velocità che chiediamo si tratta di adeguare la linea adriatica con nuovi binari che non passano attraverso le montagne e non sollevano questioni ambientali, anzi».

«Spingere su più idonei collegamenti ferroviari significa decongestionare il traffico su gomma, significa abbattere fonti di inquinamento primarie che soffocano le nostre città e fanno ammalare – spiega il presidente Anelli – e soprattutto ridimensionare il numero di morti su strada che oggi è diventato vera emergenza».
L'equazione appare semplicissima: treni più efficienti allungano la vita.
Al termine dell'incontro da parte del consiglio dei medici emerge la proposta di portare ancora più capillarmente la battaglia della Gazzetta direttamente in tutti i comuni baresi attraverso l'impegno dei medici fiduciari. L'esercito di chi reclama i propri diritti rischia di diventare potente come una marea.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MEDIAGALLERY

Scritte No Tap sul muro della chiesa identificati e denunciati due anarchici

Denunciati due anarchici per le scritte No Tap sul muro della chiesa Video

 
CANALE REALE VIDEO

Centro ricerca sul plasma nell'ex ospedale psichiatrico di «Villa Romatizza»

 
Presa la coppia della spaccatenel Leccese: lei si travestiva da uomo

Presa la coppia della spaccate nel Leccese: lei si travestiva da uomo

 
Joseph Ratzinger,Papa Benedetto XVI, a Bari

Il saluto di Papa Benedetto XVI per il Congresso eucaristico a Bari

 
Giovanni Paolo II, Papa Wojtyla, a Bitonto

Giovanni Paolo II a Bari e Bitonto: parla agli agricoltori

 
Taranto, rapinatori seminano terrore in gioielleria e spaccano le vetrine

Taranto, rapinatori seminano terrore in gioielleria e spaccano le vetrine

 
Chieuti, uomo muore travolto da cavallo

Chieuti, uomo muore travolto da cavallo

 
Lecce, bullismo a scuola

Lecce, bullismo a scuola

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Ambiente, record di microplastiche nel mare Artico

Ambiente, record di microplastiche nel mare Artico

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Italia TV
Begamo: e' nato Pancio, il rinoceronte bianco

Begamo: e' nato Pancio, il rinoceronte bianco

 
Meteo TV
Previsioni meteo del weekend

Previsioni meteo del weekend

 
Calcio TV
Tifoso Liverpool ferito e' in coma,2 romanisti arrestati

Tifoso Liverpool ferito e' in coma,2 romanisti arrestati

 
Spettacolo TV
La bugia in commedia

La bugia in commedia

 
Economia TV
Facebook chiude trimestre sopra le previsioni

Facebook chiude trimestre sopra le previsioni