Cerca

Domenica 18 Febbraio 2018 | 00:38

a bisceglie

Gli antichi organi assediati
da tarli, saccheggi e oblio

E nella chiesa di Santa Caterina parte la colletta per acquistarne uno nuovo

organo rovinato

di LUCA DE CEGLIA

BISCEGLIE - Un organo musicale settecentesco abbandonato ed in preda a tarli e saccheggi. Un altro organo a canne, risalente alla prima metà dell’Ottocento e rimasto per anni dimenticato su una cantoria, che merita di essere salvaguardato dal suo incerto destino. Due storie comuni di preziosi strumenti musicali con cui in altri tempi a Bisceglie si accompagnava la liturgia. Il primo caso emblematico è quello dell’organo della chiesa di Santa Croce (oggi trasformata in sala convegni) che dagli anni ‘80 è un bene di proprietà comunale. Le sue canne non suonano più da decenni.

Non vi è, purtroppo, alcuna prospettiva di restauro. Qualche anno fa ci si lasciò sfuggire l’opportunità per sottoporlo ad un intervento di recupero con fondi regionali appositamente stanziati per la tutela di antichi organi in Puglia. Vi furono inspiegabili ritardi nella presentazione della richiesta di finanziamento. Che farne ora di quell’organo costruito nel 1781 dall’illustre artigiano Pietro De Simone junior? Nel 1994 il caso dell’antico organo musicale di Bisceglie fu addirittura anche oggetto di segnalazione al Ministero dei Beni Culturali, con richiesta urgente di intervento, mediante un’interrogazione parlamentare presentata dall’on. Francesco Amoruso. Nel 2006 la giunta municipale commissionò la redazione di un progetto di restauro alle ditte “Iaccarino e Zingaro Sas” di Andria per la parte lignea ed a Nicola Canosa di Matera per la parte fonica.

La spesa complessiva per il restauro ammontava a 27mila euro. Progetti pagati ma rimasti nel cassetto.

Un ingombrante cimelio è ritenuto anche l’organo a canne che fu costruito nell’ex chiesa con convento degli Agostiniani, realizzato dal noto organaro Giuseppe De Rossi di Giovinazzo nel 1845. In questi giorni sono stati avviati i lavori di restauro della chiesa di Sant’Agostino. Si dice che l’organo antico sarà smontato e forse trasferito altrove pare per essere sottoposto al restauro. Si vedrà. Intanto sempre a Bisceglie c’è chi vorrebbe acquistare un organo per la chiesa di Santa Caterina ma non ha le risorse finanziarie. Così presso la parrocchia è stata indetta una colletta denominata “Dona un tasto”, finalizzata a dotare la chiesa del rione Cittadella di un organo musicale moderno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione