Lunedì 23 Luglio 2018 | 07:52

trani

Ambulatorio sociale
dono di papa Francesco

Dalla Santa Sede un contributo di 5000 euro

Ambulatorio sociale dono di papa Francesco

Nico Aurora

Trani - «San Giuseppe Moscati, nella sua stanza, aveva una sedia con un cappello sul quale era posta una scritta: “Chi ha metta, chi non ha prenda.” Naturalmente il cappello era sempre pieno». Si è servito di questa citazione il parroco dello Spirito Santo, don Mimmo Gramegna, per porre in risalto il gesto della Santa Sede di destinare 5000 euro al nascente ambulatorio medico sociale presso l’area parrocchiale dello stesso Spirito Santo, in via Tolomeo, che sarà intitolato al Medico Santo.

Lo ha comunicato lo stesso don Mimmo, l’altra sera, in apertura del concerto di Capodanno tenutosi in cattedrale, eseguito dalla Grande orchestra Italiana a cura di Fondazione Seca, Basilica cattedrale e Comune di Trani. Introdotto dal rettore della cattedrale, don Nicola Maria Napolitano, Gramegna ha fatto sapere di avere recentemente inviato una lettera a Papa Francesco, presentando progetto e spirito dell’ambulatorio intitolato a San Giuseppe Moscati, e ricevendo in cambio una missiva di conferma di un contributo che, unito alle offerte che arriveranno dalla comunità parrocchiale e da tutta la città, anche grazie al lavoro dell’associazione Orizzonti, potranno contribuire a rendere sempre più spedito l’iter per la costruzione di un nuovo punto di riferimento in favore di soggetti con disagio fisico e sociale.

Recentemente è stata posta la prima pietra del centro, il 2018 sarà l’anno dell’inizio vero e proprio dei lavori. Questi i servizi che il poliambulatorio Moscati fornirà ai pazienti; medicina polispecialistica; infermeria; assistenza farmaceutica; indagini strumentali a supporto dell’attività medica specialistica. Tutte le prestazioni saranno eseguite all’interno della struttura ambulatoriale ed effettuate da personale medico e/o infermieristico. Per esami più complessi il personale sanitario, previa comunicazione, invierà i propri pazienti al vicino presidio ospedaliero. L’accesso ai servizi sarà regolato da un programma informatico elaborato ad hoc, con annessa “carta sanitaria elettronica” che ne gestirebbe la coerenza dei flussi sanitari.

Il costo orientativo per la realizzazione dell’opera, è 150mila euro, ma la somma destinata dal Vaticano, quale contributo alla sua edificazione, è una grande iniezione di fiducia per tutti coloro - e sono davvero tanti - che credono fortemente nell’avvento di questo nuovo punto di riferimento sociale, voluto fortemente, peraltro, proprio dal compianto vescovo, monsignor Giovan Battista Pichierri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Andria, mutilato il CrocifissoL'ira del vescovo: fatto grave

Andria, mutilato il Crocifisso
L'ira del vescovo: fatto grave

 
Casa occupata abusivamente anziano «sfrattato» da un mese

Casa occupata abusivamente
anziano «sfrattato» da un mese

 
Andria, versa benzina  su assistente sociale fermata una donna

I revisori dei conti
diffidano il Comune

 
Anziano ucciso a coltellate in casa a Barletta. Il figlio portato in caserma

Barletta, anziano ucciso a coltellate in casa: arrestato il figlio 45enne

 
Parcheggiatori abusivi tra illegalità e minacce

Parcheggiatori abusivi
tra illegalità e minacce

 
Spara a ex datore lavoroarrestato pescatore 40enne

Trani, spara a ex datore lavoro arrestato pescatore 40enne

 
Festa patronale crisi di donazioni

Festa patronale
crisi di donazioni

 
Sbarre abbassate e disagi cittadini stufi di attendere

Sbarre abbassate e disagi
cittadini stufi di attendere

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS