Martedì 14 Agosto 2018 | 19:18

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

salute pubblica

Trani, per l'ex Supercinema
urgente la bonifica dall'amianto

L'allarme: «La copertura in eternit non è in stato soddisfacente»

supercinema a trani

di NICO AURORA

TRANI - «Noi abbiamo da tempo chiesto ed ottenuto, da un tecnico abilitato, una relazione che accerta con puntualità i rischi per la salute determinati dalla persistente presenza del tetto in amianto dell’ex Supercinema. L’Arpa è venuta qui oltre un mese, fa ha effettuato dei campionamenti, ha ammesso che lo stato di conservazione dell’eternit non è soddisfacente, ma non ha ancora rilasciato alcun rapporto in contraddittorio. E e questo ci preoccupa ancora di più». Così Antonio Carrabba, presidente del Comitato cittadino per la bonifica dell’amianto, Teresa de Vito, portavoce del Comitato bene comune, e Nicola Ulisse, responsabile del Codacons di Trani, confermando e rafforzando le perplessità sulla copertura di amianto del tetto dell’ex Supercinema.

In una lettera indirizzata al sindaco, Amedeo Bottaro, al dirigente dell’Area urbanistica, Michele Stasi, al Comandante della polizia locale, Leonardo Cuocci Martorano, al dirigente del Servizio igiene e sicurezza pubblica dell’Asl Bt, Patrizia Albrizio, ed all’Arpa Puglia, si fa riferimento, anche, ad un incontro tenutosi nei giorni scorsi a Palazzo di città, ma che non avrebbe portato ad alcuna soluzione definitiva del problema.

«Intendiamo ancora una volta richiamare la vostra attenzione – scrivono i referenti - sulla necessità di procedere urgentemente alla bonifica della copertura del Supercinema. Come previsto dalla normativa in materia e dal Piano regionale amianto, il relativo intervento deve essere realizzato da impresa specializzata e tecnici abilitati. Cionondimeno, dobbiamo ancora una volta rappresentare che il grave stato di conservazione della copertura costituisce un grave rischio per la salute dei cittadini. Per questo motivo occorre fare in modo che sia sollecitamente realizzato un intervento adeguato, efficace ed appropriato, che valga a rimuovere definitivamente la fonte della contaminazione».

Già nel settembre 2013 i due comitati e l’associazione consumatori avevano espresso la volontà di partecipare al procedimento consultivo di bonifica del Supercinema. Da allora rilevano almeno tre incongruenze. In primo luogo, «la proprietà ha presentato un progetto di bonifica alla Soprintendenza ai beni culturali, che però non è legittimata ad esprimersi sulla fattibilità tecnica dello specifico intervento di bonifica dell’amianto. Infatti, la legge prevede che debba essere presentato alla Asl di competenza».

Ed ancora, «non ci è chiaro come mai - si legge nella missiva - la relazione tecnica sottoscritta dal progettista dei lavori e dal consulente tecnico sia stata presentata su carta intestata del Comune di Trani».

Infine, «ignoriamo se costoro siano dotati delle necessarie abilitazioni per la progettazione d’interventi per la bonifica dell’amianto».

Carrabba, De Vito e Ulisse aggiungono che «dobbiamo ancora una volta lamentare, secondo quanto già riferito nella nostra precedente nota, che l’esclusione dalla verbalizzazione ci ha impedito l’opportuno e doveroso confronto fra pari competenze professionali, né ci ha consentito di replicare alla dichiarazione a verbale dell’avvocato della proprietà. Su questa contestazione aspettiamo ancora una risposta».

I firmatari della lettera, infine, fanno notare che avevano presentato una documentata relazione medico-scientifica, a firma del dottor Antonio Lorusso, sullo stato di conservazione del tetto in cemento-amianto, sulla presenza e sull’entità del rischio per la salute dei cittadini: «Tutto è tristemente accertato, ma adesso sollecitiamo l’invio del relativo rapporto dell’Arpa Puglia, nel quale dovrà essere riportata l’indicazione dell’entità del livello di rischio per la salute pubblica. Di certo, il ritardo su un intervento di bonifica – richiesto, sollecitato e ancora atteso, nonostante ben due ordinanze sindacali –, aggrava la responsabilità di chi è tenuto a realizzarla».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Trani, in arrivo un passaggio pedonale alternativo per attraversare i binari

Trani, in arrivo un passaggio pedonale alternativo per attraversare i binari

 
Movida nel Nord Barese: piste da ballo al tramonto

Movida nel Nord Barese: piste da ballo al tramonto

 
Nord Barese: si prospetta una vendemmia col segno più

Nord Barese: si prospetta una vendemmia col segno più

 
Bisceglie, tour turistico di notteal cimitero: scoppia la polemica

Bisceglie, tour turistico di notte
al cimitero: scoppia la polemica

 
Caso Barletta, Caracciolo a Mennea:«Getti fango per il posto in giunta»

Caso Barletta, Caracciolo a Mennea: «Getti fango per il posto in giunta»

 
Edilizia scolastica, pronti i finanziamenti

Edilizia scolastica, pronti i finanziamenti

 
Barletta, ecco chi è il regista della crisiMennea (Pd) accusa il dem Caracciolo

Barletta, ecco chi è il regista della crisi. Mennea (Pd) accusa il dem Caracciolo

 
Tenta di sfondare la porta di casa della ex con un'ascia: arrestato

Tenta di sfondare la porta di casa della ex con un'ascia: arrestato

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e feriti. Quattro estratti vivi
«Oh, mio Dio!»: terrore in diretta | Video dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS