Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 03:53

Un'altra vittima

Canosa, tragedia
al «curvone della morte»

Il sindaco: «Occorre fare qualcosa»

Canosa, tragedia  al «curvone della morte»

CANOSA - Un groviglio di lamiere, l’ennesimo tragico incidente stradale e l’asfalto della provinciale «231», già bagnato dalla pioggia, torna a tingersi di rosso sangue. Il luogo del tragico impatto tra un autoarticolato ed un autocarro anche ieri pomeriggio è stato sempre lo stesso: il maledetto curvone in discesa dell’ex strada statale «98», già in passato scenario di altri incidenti anche con esito mortale.

La vittima di turno, ieri pomeriggio intorno alle 17, è stato il 30enne Nicola Ciliberti originario di Bari. Viaggiava con altre due persone su un autocarro proprio in direzione del capoluogo pugliese. Cosa sia successo è ancora poco chiaro. Sta di fatto che un’autocisterna carica di latte, che viaggiava in direzione Foggia, proprio all’altezza del curvone, all’improvviso ha invaso la corsia opposta, centrando dapprima l’autocarro e, dopo aver sfondato il guardrail laterale, finendo la corsa nella cunetta. L’impatto tra autoarticolato ed autocarro è stato violento.

La cabina occupata da Nicola Ciliberti (che era uno dei passeggeri) e dai suoi due colleghi di lavoro, è stata letteralmente sventrata a causa dell’urto.

Ad avere la peggio, come detto, è stato il 30enne barese che, a causa dei gravi traumi riportati, non ce l’ha fatta. Sul posto, oltre alla polizia locale e agli uomini del commissariato canosino, sono giunte diverse ambulanze del 118. I feriti (gli altri due occupanti dell’autocarro ed il conducente dell’autocisterna) sono stati trasferiti negli ospedali di Foggia e Andria. Non sono in pericolo di vita ma hanno riportato traumi e fratture. Spetterà invece agli uomini della Polstrada di Ruvo, giunti sul posto per effettuare i rilievi del caso, verificare l’esatta dinamica dell’incidente ed accertare le responsabilità. L’asfalto reso viscido dalla pioggia e la pericolosità di quel tratto di strada hanno sicuramente avuto un ruolo determinante.

il sindaco «Sono addolorato per l’ennesima vita spezzata sulle nostre strade. - ha commentato il sindaco Roberto Morra - E' assolutamente necessario pensare a soluzioni che possano ridurre la pericolosità di quel tratto di strada che ha un'altissima incidenza di sinistri, in alcuni casi mortali. La Provincia di BAT deve farsi carico della messa in sicurezza di quel tratto di strada, di sicuro troverà la piena collaborazione dell'amministrazione di Canosa».

Gianpaolo Balsamo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione