Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 22:06

tre giorni di esercitazione

Simulato un forte terremoto
per testare tutti i soccorsi

Simulato un forte terremotoper testare tutti i soccorsi

di ROSALBA MATARRESE

Giunge a conclusione la tre giorni che ha visto il territorio della Provincia Bat impegnato nell’esercitazione Seismic BAT 2017, organizzata dalla Protezione Civile della Regione Puglia, con la Prefettura di Barletta Andria Trani e in collaborazione con il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile. Oggi ultima giornata con la riunione conclusiva del Corem, centro operativo regionale.

L’esercitazione ha simulato una scossa di terremoto di magnitudo 6,5 con epicentro a Stornara e la conseguente attivazione del sistema di Protezione Civile regionale per il soccorso alla popolazione. L’obiettivo era appunto testare la validità dei piani di emergenza esistenti. Durante l’esercitazione, il Prefetto Clara Minerva ha attivato il Centro Coordinamento Soccorsi per la direzione unitaria dei servizi di emergenza e disposto l’apertura della Sala Operativa di Protezione Civile, ha attivato i Centri Operativi Misti di San Ferdinando di Puglia e Canosa di Puglia, con un costante collegamento per lo scambio delle informazioni e i relativi aggiornamenti con la Sala Operativa della Protezione Civile della Regione Puglia ed il Corem, infime con i Centri Operativi Comunali istituiti dai Sindaci di tutti i Comuni della Provincia.

I COMUNI - A Minervino Murge, presso il Palazzetto dello sport, è stato inaugurato il Centro operativo comunale: una sala tecnologica per la gestione delle criticità. E’ stato pure allestito il campo base e accoglienza presso lo stadio comunale della cittadina. Il Prefetto, Clara Minerva ha voluto ringraziare tutte le forze impiegate, gli enti, le amministrazioni e i 300 volontari per la professionale collaborazione che ha consentito l’organizzazione dell’esercitazione. «E’ stata una prova significativa – ha affermato il sindaco di Barletta, Pasquale Cascella - pur trattandosi di una simulazione ha rappresentato una occasione reale anche per la nostra città per testare l’efficienza degli apparati che in caso di necessità debbono intervenire a supporto della pubblica incolumità. E’ bene non lasciarsi cogliere impreparati: la prevenzione non può che accompagnarsi al corretto funzionamento della macchina dei soccorsi che quest’oggi, sia nel Centro Operativo Comunale (COC) allestito in via Zanardelli, che nella Prefettura di Barletta Andria Trani, ha dato dimostrazione di coesione e professionalità».

«Affrontare un evento sismico, tragico come il terremoto implica essere soprattutto preparati a gestire l’emergenza – ha detto la sindaca, Lalla Mancini - formazione significa conoscenza, consapevolezza e responsabilità. Ringrazio il Prefetto per l’opportunità di formazione data con questa esperienza. Ringrazio l’assessore comunale, Michele Nobile, ringrazio i cittadini e quanti si sono adoperati per la sua perfetta riuscita».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione