Mercoledì 15 Agosto 2018 | 21:09

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

La denuncia

Barletta, nell'ex scalo merci
incuria e malaffare

Barletta, nell'ex scalo merciincuria e malaffare

GIUSEPPE DIMICCOLI

BARLETTA - Una situazione di incredibile degrado nel pieno centro della città. La Gazzetta ritorna per l’ennesima volta denunciando quanto avviene, alla luce del sole e delle stelle, nell’ex scalo merci della stazione di Barletta. In pratica a tutte le ore. Un vero e proprio luogo «terra di nessuno» - anzi di molti - dove è possibile fare di tutto. Una problematica per la quale nessuno tra Comune e Ferrovie dello Stato trova una soluzione efficace. Solo qualche giorno fa vi è stato l’ennesimo intervento delle Forze dell’Ordine che hanno allontanato i soliti noti che vi bivaccano. Dopo poche ore sono tornati come se niente fosse successo.

Lo scorso mese di maggio il Comune di Barletta «in «particolare Servizi Sociali e la Polizia Locale» era intervenuto a supporto di una operazione della Polizia Ferroviaria nell’ex scalo merci della stazione di Barletta coinvolgendo anche la Caritas. Risultato? Zero.

Purtroppo, però, questi interventi servono a ben poco, anzi forse a nulla, se non si riesce a rendere invalicabile la zona. I residenti della zona sono esasperati e invocano interventi risolutivi.

«Assistiamo a scene pazzesche dai nostri balconi - ha riferito una signora -. Purtroppo non siamo più liberi di affacciarci. Ogni giorno avvengono scene di ordinaria follia. Tutto senza un minimo di decenza: fanno i bisogni, si lavano con taniche di acqua, cucinano, fanno sesso e tante altre cose losche. Vediamo entrare auto e gente molto poco raccomandabile».

Insomma una situazione assolutamente fuori controllo che necessita di un impegno costante. Perchè non iniziare a regolamentare l’accesso a quell’area? Chi ha la responsabilità? Sulla porta di ferro ci sono almeno una decina di lucchetti? Comune e Ferrovie dello Stato possono sedersi ad un tavolo e impegnarsi seriamente per questa situazione?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Barletta, risiko al Comune:giorni decisivi per la crisi

Barletta, risiko al Comune:
giorni decisivi per la crisi

 
Bari e Trani, altri 4 mortiin due incidenti stradali

Bari, muoiono madre e figlia
Trani, 2 morti dopo il mare

 
Trani, in arrivo un passaggio pedonale alternativo per attraversare i binari

Trani, in arrivo un passaggio pedonale alternativo per attraversare i binari

 
Movida nel Nord Barese: piste da ballo al tramonto

Movida nel Nord Barese: piste da ballo al tramonto

 
Nord Barese: si prospetta una vendemmia col segno più

Nord Barese: si prospetta una vendemmia col segno più

 
Bisceglie, tour turistico di notteal cimitero: scoppia la polemica

Bisceglie, tour turistico di notte
al cimitero: scoppia la polemica

 
Caso Barletta, Caracciolo a Mennea:«Getti fango per il posto in giunta»

Caso Barletta, Caracciolo a Mennea: «Getti fango per il posto in giunta»

 
Edilizia scolastica, pronti i finanziamenti

Edilizia scolastica, pronti i finanziamenti

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS