Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 19:32

sicurezza

Canosa, auto fa strage
di cinghiali. Mezzo distrutto

cinghiali

CANOSA - Un insolito incidente stradale che avrebbe potuto avere conseguenze gravissime ma fortunatamente si è risolto con un grande spavento per gli occupanti e gravi all’auto su cui viaggiavano è avvenuto nella notte tra venerdi e sabato scorso sulla S.S. 93. Una coppia canosina in marcia da Canosa in direzione Barletta subito dopo aver superato lo svincolo della A 14 in un tratto in lieve discesa trovava la carreggiata occupata da una decina di cinghiali, nonostante la bassa velocità ed una frenata decisa l’auto impattava con cinque cinghiali quattro cuccioli di una ventina di chili l’uno ed un adulto uccidendoli.

Il conducente ha prontamente avvertito il «113» e si è allontanato poiché ha rischiato di essere investito dalle altre auto che sopraggiungevano e che zigzagavano sulla carreggiata per evitare di investire le carcasse dei cinghiali. Nonostante i gravi danni al mezzo i protagonisti della vicenda sono riusciti a tornare a casa con la propria auto sani e salvi ma sicuramente spaventatissimi. Non è la prima volta che la S.S. 93 è teatro di incidenti stradali insoliti che vedono protagonisti animali che dovrebbero essere poco diffusi alle nostre latitudini.

Due mesi fa un automobilista barlettano investì un lupo fortunatamente senza conseguenze fisiche (per il conducente mentre il canide rimase ucciso).

La presenza di diversi branchi di cinghiali presenti nella zona che va dal fiume Ofanto a Castel del Monte fino alla Murgia preoccupa tanto gli automobilisti che sempre più spesso vedono attraversare le arterie di collegamento da gruppi di cinghiali, quanto gli agricoltori che lamentano danni alle colture del territori.

Sarebbe opportuno che vengano presi provvedimenti per evitare che simili incidenti possano avere conseguenze molto più gravi considerando che impattando a velocità di codice contro un animale che può arrivare a pesare ben oltre i 100 chili avrebbe conseguenze nefaste, così come sono ingenti i danni causati alle colture. Sono stati diversi gli appelli lanciati negli anni per poter arrivare ad una soluzione del problema ma finora provvedimenti per limitare la diffusione di questi suini selvatici non ne sono stati messi in campo. [Sabino d’Aulisa]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione