Cerca

Sabato 19 Agosto 2017 | 15:04

Bisceglie

Don Uva, firmato salvataggio
nuova proprietà da ottobre

Don Uva, la Regione in campo  Emiliano: «Lo prendiamo noi»

BARI - Il gruppo foggiano Universo Salute subentrerà il 1° ottobre nella gestione delle tre cliniche della Congregazione delle Ancelle della Divina Provvidenza. Tutto come previsto: la firma del rogito notarile ha chiuso la fase di salvataggio delle attività sanitarie dell’ente ecclesiastico, gravate da 250 milioni di debiti. Ed è possibile che i nuovi proprietari foggiani possano anticipare l’avvio delle attività fin dal 1° settembre.

Le strutture interessate sono quelle di Bisceglie, Foggia e Potenza, dove circa 1.500 lavoratori garantiscono le attività di assistenza ai malati ortofrenici (gli ex psichiatrici) oltre che la riabilitazione e l’assistenza agli anziani. Un insieme di strutture strategico (per la Basilicata rappresentano anche il principale polo di riabilitazione), che ora viene consegnato in mani private per un rilancio improntato alla necessità di far quadrare i conti: l’attuale gestione ha uno sbilancio fisiologico di circa 1,5-2 milioni l’anno. Universo Salute ha garantito il mantenimento dei livelli occupazionali per due anni, ma dovrà anche intervenire sul fronte dei ricavi: per questo dovrà aprire tavoli di interlocuzione con le due Regioni interessate.

Oggi, intanto, a Bari il presidente Michele Emiliano ha convocato i sindacati per discutere sul futuro delle Sanitaservice. La relazione del gruppo di lavoro istituito dalla Regione ha ritenuto legittimo il ricorso all’in-house (le cosiddette internalizzazioni), ma ha anche scritto che le singole scelte vanno verificate rispetto alle normative nazionali ed europee: può essere «internalizzato» un servizio sanitario essenziale, non può essere internalizzato un servizio ausiliario. Le sentenze del Consiglio di Stato, in questo senso, parlano chiaro. L’idea della Regione è di unificare le Sanitaservice in un’unica «newco» che fornirà servizi alle varie Asl. Ma bisognerà anche garantire la continuità lavorativa degli attuali 5mila addetti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione