Cerca

Martedì 22 Agosto 2017 | 01:48

molfetta

Il grande fratello
vigila sulla città

Via libera al bando di potenziamento della videosorveglianza: telecamere agli ingressi

Il grande fratello vigila sulla città

LUCREZIA D’AMBROSIO

MOLFETTALa città sorvegliata dal grande occhio. Arrivano le telecamere, oltre cinquanta, per monitorare la città. Nello specifico saranno posizionate telecamere, per la lettura delle targhe dei veicoli, ai varchi di accesso alla città e telecamere di «contesto» sul resto del territorio. Al via il bando per il potenziamento del servizio di videosorveglianza. L’appalto è finanziato con fondi rivenienti dalla «Convenzione per l’attuazione dell’intervento progettuale “Riqualificazione del waterfront di ponente e delle strutture retroportuali a Molfetta” previsto dal Patto per lo sviluppo della Città Metropolitana di Bari» sottoscritto tra il Comune di Molfetta e la Città Metropolitana di Bari.

«Il progetto del potenziamento della videosorveglianza - aveva preannunciato, nei mesi scorsi, una nota del Comune - è tra quelli che ha trovato totale copertura finanziaria in quanto ritenuto prioritario dall’amministrazione comunale che aveva già ottenuto sullo stesso una preventiva valutazione positiva da parte del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Alla definizione del progetto hanno partecipato le Forze dell’ordine locali, Carabinieri, Guardia di Finanza e la polizia locale, riunite in un apposito tavolo tecnico convocato dal commissario straordinario».

Il progetto di potenziamento del sistema di videosorveglianza prevede l’installazione di 18 telecamere per il monitoraggio dei varchi di accesso e uscita della città e di 36 nuove telecamere nei luoghi sensibili individuati in sinergia con le forze dell’ordine e ulteriori sei telecamere di controllo dotate di sistema di video analisi per la rilevazione e segnalazione dedicata al fenomeno dell’abbandono dei rifiuti

Il nuovo sistema di videosorveglianza completerà quello esistente, consentendo sia una capillare copertura del controllo del territorio, sia una gestione unificata di tutte le telecamere attraverso una centrale di controllo attiva presso il Comando di Polizia locale collegato direttamente con la Stazione dei Carabinieri e la Guardia di Finanza.

Le aree coperte dalla videosorveglianza sono state individuate sia in accoglimento delle richieste di maggiore sicurezza avanzate dai cittadini durante gli incontri tenuti dal commissario nei vari quartieri della città, sia in recepimento delle esigenze espresse dall’Asm. per una più efficace azione di identificazione dei soggetti indisciplinati che abbandonano i propri rifiuti sul suolo pubblico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione