Cerca

Giovedì 17 Agosto 2017 | 23:21

a trani

Amet, il sindaco
approva il bilancio

Il 2016 chiuso con un utile di esercizio di 109.618 euro

Amet Trani

di NICO AURORA

TRANI - Il sindaco, Amedeo Bottaro, in qualità di rappresentante del socio unico, ha provveduto, nell’ambito dell’assemblea dei soci, all’approvazione del bilancio 2016 di Amet Spa, chiuso con un utile di esercizio di 109.618 euro. Il primo cittadino ha provveduto, anche, alla nomina del Consiglio di amministrazione (per scadenza naturale del mandato), confermando presidente Antonio Mazzilli e, consiglieri, Angela Ventura e Marcello Danisi. Quest’ultimo è stato designato alla funzione di Amministratore delegato della società. Amet opera direttamente nel settore della distribuzione e vendita dell’energia elettrica al mercato tutelato, distribuzione in favore di operatori del mercato libero, nel settore dei trasporti urbani e parcheggi, oltre che di servizi portuali e, attraverso le sue controllate e collegate, nel settore dei trasporti extraurbani. Il core business della società è la distribuzione dell’energia elettrica attraverso le reti di bassa e media tensione, svolto sulla base di una concessione trentennale rilasciata dal Ministero dello sviluppo economico e caratterizzato dall’oscillazione dei costi delle materie prime (carbone e petrolio) e dai numerosi e frequenti interventi dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas. I servizi di trasporto locale, gestione dei parcheggi a raso ed assistenza ai diportisti presso la darsena comunale, pur di natura non strategica, sono effettuati su specifica richiesta del Comune di Trani.

Ma come si è determinato l’utile con cui si è chiuso l’esercizio dello scorso anno? Sembra di comprendere che si sia operata una revisione delle spesa nella misura in cui, «negli scorsi esercizi - fa sapere il presidente, Antonio Mazzilli - la società ha investito significative risorse finanziarie in partecipazioni finalizzate ad ampliare la propria operatività in settori complementari a quelli in cui già opera in forma diretta, anche se per molte di esse si è avviato il processo di liquidazione». E la prospettiva sarebbe quella di ulteriori risparmi, poiché «l’utilizzo del nuovo gestionale della bollettazione porterà con sé una nuova organizzazione dei flussi di informazione - annuncia il presidente -, normalizzazione degli adempimenti nei confronti degli enti regolatori, miglioramento della continuità del servizio agli utenti con l’ottenimento di premialità al posto di penalità. Ed è prevista - fa sapere ancora Mazzilli - una migliore organizzazione delle attività aziendali, con il conseguente contenimento dei costi di straordinario del personale, la puntuale fatturazione anche al mercato libero dei consumi prelevati ed il susseguente riequilibrio dell’assetto finanziario».

La conseguente riorganizzazione consentirà di destinare risorse ad attività su cui l’azienda è tuttora carente, «in particolare - spiega il presidente -, il recupero dei crediti. Ma non si potrà prescindere, nel prossimo triennio - aggiunge -, dagli investimenti sulle reti cittadine, anche utilizzando le risorse messe a disposizione dall’Europa e promosse dal Ministero per lo sviluppo». Non da ultimi, sono in fase di completamento lavori, presso la cabina primaria lungo la Provinciale Trani-Andria, per il riposizionamento della seconda linea di cavi sottostanti il manto stradale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione