Sabato 23 Giugno 2018 | 14:03

Indifferenza a Camaggio

Andria, il parroco accusa
le famiglie dello spaccio

Andria, il parroco accusale famiglie dello spaccio

ALDO LOSITO

ANDRIA - «Nel quartiere Croci-Camaggio ci sono intere famiglie che spacciano alla luce del sole e nessuno fa niente». Questa la pesante denuncia di don Riccardo Agresti, parroco della chiesa di quartiere. Da sempre don Riccardo è un prete di frontiera e dopo trasformato in meglio questa zona periferica della città, adesso alza la voce chiedendo l'intervento delle istituzioni e delle forze dell'ordine.

«E’ da tempo che diciamo che il nostro territorio ha bisogno di essere controllato con gli strumenti che la polizia e i carabinieri hanno a disposizione – aggiunge don Agresti -. Siamo certi che il loro lavoro viene svolto con perizia ma non è tempestivo».
«Non si può assistere con indifferenza. - è ancora don Riccardo che segnala - Nei tanti dialoghi con noi, diverse famiglie hanno denunciato questa situazione incresciosa, quella di vedere famiglie intere organizzate nella detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Si sa che c’è molta paura di essere additati come gli “infami” di vicinato che non si sanno “fare gli affari propri”. Gli interventi delle istituzioni preposte alla sicurezza di chi denuncia, sono lacunosi e non mirano a tutelare chi vuole che il bene comune sia un valore “alto” da proteggere. Ci vorrebbe un intervento puntuale e feriale e non legato solo alle emergenze; un lavoro capillare quotidiano viene chiesto da tempo nel nostro quartiere. C’è gente che la mattina è “anonima” tra gli altri mentre, la sera, festeggiano perché portano droga ai giovani. Noi non possiamo tacere! Il nostro territorio merita rispetto».

Basta con le solite campagne elettorali, unico momento in cui la politica fa capolino nel quartiere.
«Da qui a poco, saremo invasi da tanti “pseudo-politici” che hanno le migliori soluzioni da somministrare su un territorio che, tra l’altro, non conoscono – dice don Riccardo -. Si dipingono come “i salvatori” del territorio! Via! Non li vogliamo! Lo diciamo oggi e saremo fermi anche domani: la gente del territorio non va illusa con false promesse e con facili soluzioni. Vogliamo che ad emergere sia, invece, gente che è presente sul territorio e lo serve con ferialità, esponendosi e sporcandosi le mani, impopolari e senza pensare ai voti».

Le conclusioni raccolgono anche una provocazione: «Vi poniamo una domanda: perché queste famiglie denunciano da noi e non nelle sedi opportune? Creiamo ponti di fiducia con il nostro territorio e sicuramente la qualità della vita migliorerà con la collaborazione di tanta gente onesta che vuole che il nostro quartiere brilli di onestà e la nostra città di legalità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Domenica a Canosa giornata straordinaria di donazioni

Domenica a Canosa giornata straordinaria di donazioni

 
mura lesionate a Trani

A Trani l’antico muraglione della villa comunale continua a sfaldarsi

 
case via Olanda a Trani

Novantenne ricoverato in ospedale abusivi gli occupano la casa

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Trovati in possesso cocainatre arresti ad Andria

Trovati in possesso cocaina
tre arresti ad Andria

 
Divorzi, Trani primeggia nella Bat

Divorzi, Trani
primeggia nella Bat

 
consorzio tutela burrata di Andria

Burrata di Andria, intrapreso il percorso per il marchio Dop

 
Degrado sulla costa a Cala Pantano aperto un fascicolo d’inchiesta

Degrado sulla costa a Cala Pantano
aperto un fascicolo d’inchiesta

 

MEDIAGALLERY

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 
Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 
Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Bimbi separati, Stati fanno causa a Trump

Bimbi separati, Stati fanno causa a Trump

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea

 
Economia TV
La guerra dei dazi, Trump minaccia auto europee

La guerra dei dazi, Trump minaccia auto europee

 
Italia TV
Lifeline, pressing dell'Italia ma Malta non apre il porto

Lifeline, pressing dell'Italia ma Malta non apre il porto

 
Calcio TV
Messi male, e la papera Caballero

Messi male, e la papera Caballero

 
Spettacolo TV
Una vita spericolata, diventare criminali per caso

Una vita spericolata, diventare criminali per caso