Sabato 23 Giugno 2018 | 16:23

territorio da salvare

La foce dell'Ofanto
arretra sempre più

foce dell'Ofanto

di PINO CURCI

BARLETTA - L’ipotesi di «trasferire» un «parco urbano» nel parco fluviale dell’Ofanto (ipotesi che sembra tramontata), ha riportato d’attualità lo stato in cui versa il tratto pugliese del corso d’acqua. E dalla foce giungono segnali inquetanti: l’erosione in zona è diventata galoppante. Negli ultimi anni l’erosione costiera, già considerevole da almeno trent’anni, è diventata ancora più vistosa. Prova ne è l’arretramento registrato proprio sul lato Barletta della foce.
I laghetti costieri sono ormai spariti e la linea di costa è arretrata ancora per decine di metri intaccando anche l’argine che delimitava quella che un tempo era un’ampia foce a delta.

Tra l’argine e il mare vi era non solo una strada sterrata che consentiva l’accesso ai terreni presenti a ridosso della foce, ma anche un ampio arenile interrotto da alcuni stagni costieri. Tutto scomparso.
Si tratta di un fenomeno noto agli addetti ai lavori: la realizzazione di numerose dighe a monte (tra le quali la più grande è quella di Conza) ma anche il prelievo indiscriminato di materiali (ghiaia e sabbia soprattutto) ha di fatto diminuito l’apporto di detriti alluvionali in mare, per cui le correnti marine intaccano la linea di costa che arretra progressivamente. Si riteneva che il fenomeno fosse in attenuazione ma, invece, prosegue con una certa vistosità. Un fenomeno che tutti gli enti pubblici dovrebbero monitorare in quanto ogni anno il mare porta via una fetta di territorio e rischia di cancellare parte delle spiagge che da sempre si cerca di valorizzare.

A tale proposito va ricordato che nel corso dei secoli il fiume Ofanto ha «donato» ai comuni costieri ettari ed ettari di territorio. Significativi sono al riguardo due elementi caratteristici del territorio barlettano.
Torre Ofanto che, come le torri costiere per l’avvistamento dei pirati saraceni ed ottomani, fu realizzata in riva al mare adesso di trova a centinaia di metri dalla riva. A Barletta il fortino di Paraticchio agli inizi del Novecento, come testimoniano cartoline d’epoca, era lambito dalla risacca marina, ora il mare è ben lontano. Purtroppo tra dighe, prelievi di sabbia e ghiaia e cambiamenti climatici (si stima che il livello del mare possa salire di diverse decine di centimetri) vi è il rischio che il paesaggio costiero barlettano possa tornare in pochi anni al passato. Insomma quel che l’Ofanto nei secoli ha sottratto al mare quest’ultimo potrebbe riprenderselo. Un elemento sul quale chi decide il futuro urbanistico della città deve riflettere. Altrimenti vi è il rischio di compromettere non solo parte del territorio ma anche una fetta considerevole del futuro turistico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Domenica a Canosa giornata straordinaria di donazioni

Domenica a Canosa giornata straordinaria di donazioni

 
mura lesionate a Trani

A Trani l’antico muraglione della villa comunale continua a sfaldarsi

 
case via Olanda a Trani

Novantenne ricoverato in ospedale abusivi gli occupano la casa

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Trovati in possesso cocainatre arresti ad Andria

Trovati in possesso cocaina
tre arresti ad Andria

 
Divorzi, Trani primeggia nella Bat

Divorzi, Trani
primeggia nella Bat

 
consorzio tutela burrata di Andria

Burrata di Andria, intrapreso il percorso per il marchio Dop

 
Degrado sulla costa a Cala Pantano aperto un fascicolo d’inchiesta

Degrado sulla costa a Cala Pantano
aperto un fascicolo d’inchiesta

 

MEDIAGALLERY

Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 
Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 
Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Le donne al volante, svolta storica in Arabia

Le donne al volante, svolta storica in Arabia

 
Italia TV
Salvini contro l'obbligo di vaccini, frena M5S

Salvini contro l'obbligo di vaccini, frena M5S

 
Spettacolo TV
Uragano e pallottole in Alabama

Uragano e pallottole in Alabama

 
Economia TV
Ultimatum di Trump all'Europa sui dazi

Ultimatum di Trump all'Europa sui dazi

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea

 
Calcio TV
Messi male, e la papera Caballero

Messi male, e la papera Caballero