Cerca

Lunedì 18 Dicembre 2017 | 00:33

UN pasticcere a Barletta

Pistolettate dopo lite
tra condomini: confessa

Confiscati beni per 2 mln a pregiudicato clan foggiano

Ha ammesso le proprie responsabilità innanzi al gip del tribunale di Trani, Angela Schiralli, che ha convalidato il suo arresto, il 50enne pasticciere di Barletta, Angelo Dargenio, accusato del tentativo di omicidio fatto nei confronti di un agricoltore 69enne, Giuseppe Bollino, per problemi legati a dinamiche condominiali. Il pasticciere, il 21 febbraio scorso, ha sparato alle spalle, mentre la vittima era al lavoro nel suo podere; ha utilizzato una pistola modificata. Si tratta di un’arma semiautomatica realizzata per sparare a salve ma, con la modifica subita, spara cartucce calibro 9 corto.
Gli agenti del commissariato di polizia di Barletta, coordinati dal pm Mirella Conticelli, hanno trovato l’arma usata in un locale di Angelo Dargenio, fra oggetti e suppellettili. Ora le indagini proseguono per risalire a chi ha modificato e venduto l’arma utilizzata dal pasticciere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione