Cerca

Martedì 22 Agosto 2017 | 16:54

Uniti per lo sport, la carica dei mille

Ieri la mobilitazione del mondo sportivo: «Vogliamo strutture più adeguate»

Uniti per lo sport, la carica dei mille

di Michele Piazzolla

BARLETTA - È stata massiccia la partecipazione di tifosi del calcio, cittadini, rappresentanti e tesserati delle associazioni sportive alla manifestazione «Senza lo sport, muore il futuro» svoltasi ieri mattina per le vie principali della città con la sfilata di un corteo (raduno e partenza, stadio Puttilli, poi sfilata in centro, passando dallo stadio Simeone, quindi Palazzo di città, arrivo e conclusione in piazza Moro).

Come è noto, l’iniziativa di mobilitazione è stata organizzata dalla tifoseria organizzata del «Gruppo Erotico» e da un folto gruppo di associazioni e società sportive della città (Asd Barletta Calcio 1922, Asd Athena Calcio, Asd Atletica 2010, Gsd Rossini Calcio, Ssd Delvecchio Sport, Pol. Sport Insieme Sud, Pol. Aré Barletta, Ass. Bt Sport 2005, Asd Mad Bulls, Aps Barlett e Avest, Gruppo Erotico 1987, Nuovo Globo, Unione degli Studenti, Gsd Audace Barletta, Asd Nelly Volley, Aps Free Kite, Asd Spirito Santo Barletta, Asd Futsal Calcio a 5, Apd Brasilea, Ascd Etra Barletta, Asd Sporting Club, Eraclio Calcio a 5).

Lo scopo della manifestazione ha avuto come tema dominante la denuncia sullo stato attuale delle strutture sportive cittadine, una precarietà diffusa che mette a repentaglio l’attività e il futuro di diverse realtà, in particolare quelle che sono rivolte alla pratica e alla crescita sportiva di ragazzi e giovani. Di qui, l’obiettivo di manifestare e sensibilizzare le istituzioni locali (Comune e Provincia) affinchè intervengano sullo stato precario e disagevole degli impianti e palestre scolastiche, dando un chiaro segnale di presenza e di rivendicazione di un diritto: quello di fare sport negli impianti cittadini in condizioni strutturali e sicure.

Tra questi, la maggior parte dei manifestanti ha posto in evidenza la necessità che il Comune faccia chiarezza e possa al più presto dare risposte sui tempi di apertura dello stadio Puttilli, chiuso da oltre un anno per lavori di ristrutturazione e ampliamento della capienza.

Numerosa la partecipazione: secondo alcune stime degli organizzatori sono stati oltre mille i partecipanti, a cui si è unita la gente, i cittadini, durante il percorso del corteo. E alla manifestazione, anche se non presenti, hanno assicurato la loro adesione cittadini illustri nello sport a livello nazionale. Fra questi l’arbitro internazionale di calcio Antonio Damato, la campionessa di atletica leggera Veronica Inglese e il maratoneta Mimmo Ricatti. Quest’ultimo lanciato un messaggio: «Mando un saluto e il mio sostegno a coloro che hanno manifestato per la restituzione di uno spazio sacro per lo sport barlettano, il nostro stadio (Puttilli, ndr) con il campo e la pista di atletica intorno. Pista su cui il nostro concittadino, campione e oro olimpico, ha fatto prodigi e su cui molti di noi hanno costruito le loro vite sportive. Speriamo che questo spazio, che io definisco “tempio dello sport”, ci venga restituito al più presto affinchè i nostri bambini, ragazzi e giovani possano tornare a calpestarlo e soprattutto possano nascere nuovi campioni e talenti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione