Cerca

Programma straordinario

Bat, in arrivo 18 milioni
per riqualificare le periferie

Porto di Molfetta, la Procuradi Trani ha chiesto il processo

ANDRIA - La presidenza del Consiglio dei Ministri ha comunicato formalmente che è stato inserito «in posizione utile ai fini della concessione del finanziamento» il progetto coordinato presentato dai tre comuni co-capoluogo Barletta-Andria-Trani per un importo complessivo di 18 milioni, nell’ambito del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione e sicurezza urbana delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia.

Il progetto della Bat - informa una nota - prevede che gli ambiti di intervento del programma comprendono prevalentemente aree di edilizia economica e popolare, che oggi stanno vivendo un processo di cambiamento. Da criticità urbane stanno assumendo un ruolo determinante nel processo di cambiamento che caratterizza le tre città. Per Andria, Comune capofila del progetto, si tratta, in particolare, di tutte le zone di Edilizia Economica e Popolare, delle aree di edilizia abusiva soggette a recupero e dell’area contermine l’ex macello. Particolare rilievo riveste il finanziamento l’intervento della illuminazione delle strade. Altro intervento è quello della ristrutturazione dell’edificio scolastico Jannuzzi.

«Siamo riusciti -spiega il sindaco, Nicola Giorgino - rispettando le rigide regole del Bando che imponevano un consumo di suolo pari a zero (quindi nessun intervento di nuova costruzione) ad inserire opere non eclatanti, ma diffuse che rispondono ai reali e quotidiani bisogni dei cittadini: la sicurezza, l’illuminazione e l’istruzione per i propri figli». «I progetti approvati per Barletta - afferma a sua volta il sindaco, Pasquale Cascella - riguardano gli interventi di riunificazione del territorio che ricongiunge le nuove aree urbane della 167 e gli insediamenti di edilizia economico-popolare alle aree limitrofe al mare che così diventa una risorsa naturale per l’intera città». Trani ha inserito nel programma il quartiere Sant'Angelo (già 167) compreso tra la ferrovia FS e la SS16bis. Il sindaco, Amedeo Bottaro, sottolinea che : «Il grande risultato raggiunto è frutto di un progetto politico ed amministrativo che coniuga la soluzione dei problemi quotidiani della città con mete più ambiziose: interventi sinergici ed incisivi per la qualità del territorio ed il suo sviluppo economico».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400