Cerca

altamura

La «nuova» piazza S. Teresa
sarà ridisegnata dai cittadini

Il Comune avvia il concorso di idee: le proposte entro il 14 novembre

di Onofrio Bruno

ALTAMURA - Dare un volto nuovo a piazza Santa Teresa, uno degli accessi al centro storico ma trasformata in una «cenerentola».

L’amministrazione comunale di Altamura ha dato il via al tanto atteso concorso di idee al quale saranno presentati progetti di riqualificazione. Le foto in bianco e nero mostrano questo luogo, antistante l’omonima chiesa, del tutto libero. Era aperto e i palazzi facevano da perimetro. Oggi è «ingolfato».

La piazza assolve principalmente a due funzioni urbane differenziate: quella relativamente più recente di parcheggio per i residenti del centro storico e quella di sosta per i pullman che da Altamura portano a Bari.

Liberata dalle bancarelle del mercatino giornaliero dell’ortofrutta, è stata occupata dalle auto. A parte poche aiuole, in verità spoglie, e alcune panchine, su ampie porzioni sono ubicati un grande edificio adibito a bagni pubblici (realizzato alla fine degli anni ‘80) e un chiosco.

Renderlo più spazioso eliminando il bagno pubblico? Togliere le auto? Quale sarà la nuova funzione?

Da queste domande nasce l’iniziativa di aprire un concorso di idee che vedrà premiati i primi tre migliori elaborati progettuali. Al primo andranno 5.500 euro, al secondo 3.250 e al terzo 2.250. Le domande e i progetti dovranno essere presentati entro il 14 novembre.

Il Comune chiede ai partecipanti di ridefinire il nuovo spazio urbano, anche privo dei volumi attuali. Di trovare soluzioni relative alla mobilità e alla sosta dei veicoli da cui attualmente la piazza è «affogata» perché percorribile in auto su tutto il perimetro e anche sulla stessa. Di assegnare alla piazza la sua valenza di luogo dell’accoglienza turistica (vista la presenza del Museo etnografico dell’Alta Murgia in via Vittorio Veneto) e di porta del centro storico. Di valorizzarla mediante la collocazione di elementi costruttivi e di arredo urbano che ne esaltino le peculiarità architettoniche, storiche e urbanistiche tenendo anche conto dell’eliminazione delle barriere.

L’ipotesi progettuale da proporre non deve superare il valore di 3 milioni e mezzo di euro. Obiettivo fondamentale è rigenerare la piazza, nel rispetto del valore storico e culturale del contesto urbano.

Tutti i lavori saranno poi esposti in una mostra. E quello scelto dalla commissione giudicatrice potrebbe poi diventare la base per rinnovare in concreto piazza Santa Teresa, passando dalla carta all’attuazione. Questo, al momento, è solo un primo passo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400