Cerca

Sabato 26 Maggio 2018 | 02:02

Lo scandalo al Comune

«A Trani non si muoveva
foglia senza De Feudis»

Quasi un ritornello negli atti dell'inchiesta che ha portato in manette un istruttore contabile

comune trani

TRANI - All’ufficio ragioneria del Comune di Trani non si sarebbe mosso nulla, se non l’avesse voluto Sergio De Feudis, l’istruttore contabile, ma di fatto una sorta di capo ufficio, arrestato mercoledì nell’ambito della seconda tranche dell’inchiesta “Sistema Trani”. Il concetto ricorre più volte nell’ordinanza di custodia cautelare del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani Francesco Messina. Un concetto comune perché espresso da più d’una persona interrogata nel corso delle indagini svolte dal pubblico ministero Michele Ruggiero.
<Nell’ambito comunale si sa che l’ufficio ragioneria è in mano a De Feudis, che fa il bello ed il cattivo tempo> dichiarò, tra l’altro, il presidente del consiglio comunale Fabrizio Ferrante.
Sulla stessa scia le dichiarazioni del commercialista della Cooperativa “Un amico per Trani”, pure riportate nell’ordinanza custodiale, che, per quanto raccontatogli, paragona De Feudis ad un semaforo. <Questo De Feudis era uno che intralciava, una specie di semaforo rosso, verde, giallo>.
Ed ancora, ricordando quant’alto pure narratogli: <De Feudis è quello che controlla tutti, cioè non si muove foglia se De Feudis non decide>. Non diverse le dichiarazioni rese da Corrado Cisotti, della Cooperativa sociale “Re Manfredi”, appaltatrice e fornitrice al Comune dei servizi di pulizia degli uffici comunali, del cimitero, della villa comunale, di Villa Guastamacchia nonché fornitrice del servizio di manutenzione del verde pubblico. Cisotti – scrive il gip Messina – ha riferito che <De Feudis sarebbe stato solito “rallentare” le procedure di liquidazione e pagamento delle fatture dei fornitori restii a sottomettersi alle sue richieste>. L’ordinanza cautelare, a tal proposito, riporta uno stralcio delle dichiarazioni rese a verbale da Cisotti il 7 aprile 2015: <Io ho notato che la maggior parte delle difficoltà riscontrate per il pagamento delle mie fatture sono state frapposte proprio da De Feudis, ma lui non si è mai esposto nei miei confronti. Tuttavia sono a conoscenza che lo stesso, in passato, ha avvantaggiato la Cooperativa Un amico per Trani> di cui era legale rappresentante la sorella di Otello Bagli (n.d.r. il 39enne ucciso a Trani il 29 Ottobre 2013 per cui le indagini del pm Antonio Savasta sono ancora in corso) ritenuto gestore di fatto della cooperativa. <In particolare – proseguì Cisotti - nella gara per le affissioni e defissioni lo stesso De Feudis, al momento della presentazione dei documenti per la partecipazione alla gara, mi prese da parte e mi disse testuali parole: “Corrado, questa è gara che mi appartiene” Io, pertanto, ritenni di non partecipare, vista l’impossibilità di un’eventuale aggiudicazione, dato che il De Feudis aveva lasciato sottintendere che non vi erano spazi per la mia cooperativa>.
In un altro verbale, dell’11 maggio 2015, richiamato dal gip Messina, si legge: <a Trani vengono pagate solo le cooperative che spartiscono con i funzionari preposti ai singoli uffici (di contabilità o appalti) e con i consiglieri comunali. Il sistema consiste nel ritardare il pagamento delle fatture per costringere i creditori a pagare una tangente>.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

chiesa dei templari a Trani

A Trani riapre «Ognissanti» la chiesa dei Templari

 
barletta

A Barletta gettano bici sulle auto dal sottovia, tragedia sfiorata l’altra sera

 
Andria voragine nella pavimentazione

Andria sprofonda pavimento nel centro storico per le forti piogge

 
Barletta, picchia una donnaper rapinarle il cellulare

Barletta, picchia una donna
per rapinarle il cellulare

 
Un sequestro di giocattoli contraffatti

Giocattoli contraffatti, pericolo per i bambini

 
Andria, minaccia imprenditoreper estorcere denaro: in cella

Andria, minaccia imprenditore
per estorcere denaro: in cella

 
Travolto da auto a Canosaresta a terra per 29 minuti

Travolto da auto a Canosa, resta a terra per 29 minuti 

 
Barletta, spaccio di cocainain manette tre persone

Barletta, spaccio di cocaina
in manette tre persone

 

MEDIAGALLERY

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

 
Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

 
Blitz a Taranto contro gang di narco rapinatori: «Te lo vuoi fare il dottore?»

Blitz a Taranto, le intercettazioni: «Te lo vuoi fare il dottore?»

 
Rapinatori cantanti incastratida un video su You Tube

Rapinatori cantanti incastrati
da un video su You Tube

 
Emergenza cinghiali a Bari22 catturati e trasferiti in riserva

Emergenza cinghiali a Bari
22 catturati e trasferiti in riserva

 
Restart, così i piatti del futuro di Ladisa  a Bari

Restart, così i piatti del futuro di Ladisa a Bari

 
In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

 
Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Italia TV
Code per vedere spoglie Giovanni XXIII in Duomo Bergamo

Code per vedere spoglie Giovanni XXIII in Duomo Bergamo

 
Mondo TV
Allarme obesita', nel 2045 uno su 4 sovrappeso nel mondo

Allarme obesita', nel 2045 uno su 4 sovrappeso nel mondo

 
Meteo TV
Previsioni meteo del weekend

Previsioni meteo del weekend

 
Spettacolo TV
Ricordando Carrie Fisher

Ricordando Carrie Fisher

 
Sport TV
Il Giro d'Italia riparte dalla Reggia di Venaria

Il Giro d'Italia riparte dalla Reggia di Venaria

 
Calcio TV
Il Bologna esonera Donadoni, pronto Pippo Inzaghi

Il Bologna esonera Donadoni, pronto Pippo Inzaghi

 
Economia TV
L'idroscalo di Milano si rifa' il look, stop ad alghe e cura del verde

L'idroscalo di Milano si rifa' il look, stop ad alghe e cura del verde