Giovedì 16 Agosto 2018 | 02:14

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Crollo Barletta, per 14 imputati pene tra due e cinque anni

Crollo Barletta, per 14 imputati pene tra due e cinque anni
TRANI - Condanne comprese fra due e cinque anni e mezzo di reclusione sono state inflitte dal collegio giudicante (presidente Giulia Pavese) della prima sezione penale del Tribunale di Trani nei confronti di 15 imputati - 14 persone fisiche e una società - nel processo per il crollo di una palazzina, avvenuto in via Roma, a Barletta, il 3 ottobre 2011, in cui morirono cinque persone. Nel crollo morirono 4 operai di un opificio, che lavoravano in nero per pochi euro all’ora, e la figlia 14enne dei datori di lavoro.

Il processo era cominciato il 4 luglio 2013. Degli imputati, 14 erano accusati di disastro colposo, omicidio colposo e lesioni colpose plurimi, mentre la società proprietaria dell’area adiacente al palazzo crollato - quella in cui si stava lavorando alla demolizione che, secondo l'accusa, provocò il crollo, la Giannini srl - era coinvolta, negli stessi reati, per responsabilità amministrative. Il pm Giuseppe Maralfa, che aveva chiesto condanne a pene fra 3 e 7 anni e mezzo di reclusione, si è detto «assolutamente soddisfatto», e non ha voluto aggiungere altro. 

Le pene più alte sono state inflitte a Giovanni Paparella, il direttore dei lavori, condannato a cinque anni e sei mesi per i reati di omicidio colposo, crollo e lesioni colpose plurimi e ad altri sei mesi per aver violato norme antinfortunistiche. Cinque anni inflitti a Pietro Ceci, incaricato per conto della Giannini srl, proprietaria del suolo in cui si stava lavorando, della progettazione e sicurezza, insieme a Vincenzo Zagaria, condannato a quattro anni e sei mesi. Quattro anni e sette mesi sono stati comminati ad Andrea Chirulli e quattro anni e nove mesi ai suoi fratelli Giovanni e Salvatore. Si tratta di coloro che materialmente hanno effettuato i lavori. 

Quattro anni e nove mesi la condanna inflitta a Cosimo Giannini, della Giannini srl, proprietaria del cantiere, oltre alla contravvenzione di 35.000 euro per lottizzazione abusiva. Infine di tre anni e mezzo è la pena per il maresciallo della polizia municipale Giovanni Andriolo, chiamato a intervenire poco prima del crollo. L’uomo è stato anche interdetto dai pubblici uffici per cinque anni; stessa pena per l’ingegnere comunale Rosario Palmitessa e per il dirigente dell’ufficio tecnico, Francesco Gianferrini; inflitte poi altre condanne di minore entità, in qualche caso con sospensione della pena. Nei confronti della società è stata comminata anche una sanzione di 480.000 euro per illecito amministrativo ed è stata disposta la confisca di parte del cantiere, ad oggi ancora sotto sequestro.

«La giustizia deve essere sempre davanti a tutto». Così il sindaco di Barletta, Pasquale Cascella, ha commentato la sentenza di primo grado del processo che si è concluso oggi pomeriggio a Trani, per il crollo di una palazzina, avvenuto il 3 ottobre 2011, e la morte, sotto le sue macerie, di cinque donne, quattro lavoratrici e la figlia 14enne del loro datore di lavoro. «Per questo - ha aggiunto il primo cittadino - il comune di Barletta si è costituito parte civile rappresentando, nel processo, la coscienza civile della comunità cittadina nel percorso giudiziario segnato dalla memoria della ferita inferta dal crollo nel corpo vivo della città». 

Il sindaco ha voluto anche soffermarsi sulla circostanza per cui se da una parte il Comune è parte lesa, dall’altra alcuni suoi dipendenti compaiono fra gli imputati del processo. "L'accertamento della verità - ha detto in proposito - non può confliggere nè con la presunzione di innocenza per gli imputati, compresi i dipendenti del Comune, nè con le conseguenti responsabilità amministrative». «Continuiamo, dunque, a riconoscerci nel dovere morale di concertare tra parti lese e parti civili - ha concluso - un percorso che conduca all’affermazione della giustizia in ogni grado di giudizio, rafforzando così l’impegno della collettività e delle sue istituzioni per la prevenzione, la sicurezza e il rispetto della vita umana».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Barletta, risiko al Comune:giorni decisivi per la crisi

Barletta, risiko al Comune:
giorni decisivi per la crisi

 
Bari e Trani, altri 4 mortiin due incidenti stradali

Bari, muoiono madre e figlia
Trani, 2 morti dopo il mare

 
Trani, in arrivo un passaggio pedonale alternativo per attraversare i binari

Trani, in arrivo un passaggio pedonale alternativo per attraversare i binari

 
Movida nel Nord Barese: piste da ballo al tramonto

Movida nel Nord Barese: piste da ballo al tramonto

 
Nord Barese: si prospetta una vendemmia col segno più

Nord Barese: si prospetta una vendemmia col segno più

 
Bisceglie, tour turistico di notteal cimitero: scoppia la polemica

Bisceglie, tour turistico di notte
al cimitero: scoppia la polemica

 
Caso Barletta, Caracciolo a Mennea:«Getti fango per il posto in giunta»

Caso Barletta, Caracciolo a Mennea: «Getti fango per il posto in giunta»

 
Edilizia scolastica, pronti i finanziamenti

Edilizia scolastica, pronti i finanziamenti

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS