Cerca

Violenze alla moglie costretta a 7 aborti

Violenze alla moglie costretta a 7 aborti
ANDRIA – Per anni, alla presenza dei figli minorenni, avrebbe costretto la moglie a subire violenze fisiche, minacce e insulti, ad interrompere per sette volte la gravidanza e a vivere in un clima di terrore e di asservimento. Dopo l’ennesimo ricovero in ospedale per le lesioni subite dell’uomo, la donna ha trovato il coraggio di denunciare il marito 53enne a cui oggi la polizia ha notificato un provvedimento di allontanamento dalla casa familiare con divieto di avvicinamento alla parte offesa.

Dalle indagini della procura di Trani è emerso che la donna, quasi 10 anni fa, aveva provato a denunciare le violenze subite. Il marito, però, l’aveva costretta a ritirare la denuncia, con la minaccia di darle fuoco, insieme alle figlie e all’abitazione. All’unico tentativo della vittima di rifugiarsi al nord, a casa della sorella, si era poi opposto, raggiungendola e costringendola a fare rientro ad Andria.

Nelle scorse settimane il ricovero in ospedale della donna che, dopo l’ennesima aggressione da parte del marito, ha riportato fratture e gravi ferite, tali da costringerla a ricorrere alle cure dei sanitari del Pronto Soccorso. Per questi fatti l’uomo è indagato per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400