Cerca

Bambina morta a Trinitapoli resta indagine per omicidio Sabato fiaccolata in paese

Bambina morta a Trinitapoli resta indagine per omicidio Sabato fiaccolata in paese
TRINITAPOLI (BARLETTA – ANDRIA – TRANI) - Erano stati i segni sul suo corpo, i lividi, segnalati dai medici dell’ospedale di Barletta, dove era stata ricoverata, ai servizi sociali, a spingere la procura di Foggia a indagare per omicidio volontario per far luce sulla morte della bambina di due anni avvenuta nella sua abitazione, a Trinitapoli, sabato scorso. Dopo, però, che l’autopsia, ieri sera, ha escluso che la piccola possa essere morta a causa di percosse o maltrattamenti, così come era stato ipotizzato, resta l’indagine a carico di ignoti per omicidio colposo e tre mesi di tempo, quello massimo a disposizione del medico legale Ruggiero Parente, per capire dai risultati degli esami istologici e tossicologici, cosa abbia provocato il decesso.

Parente ha condiviso l’esito dell’esame con i consulenti tecnici di parte della madre della bambina, del suo compagno e degli altri due figli, citati dalla procura quali parti lese nella vicenda, per la perdita della congiunta. Sin dal primo vertice in procura, subito dopo la morte della bambina, ascoltando la madre, gli investigatori avevano appreso di un altro fattore che aveva riguardato la bambina prima di morire: la possibile erronea somministrazione di un farmaco che prendeva abitualmente per problemi di salute legati a un deficit cognitivo. Anche su questo si sono concentrate le indagini. Gli esami di cui si attende l’esito serviranno a capire se, per responsabilità di chi e in quale misura il farmaco somministrato possa essere compatibile con il decesso.

I FUNERALI - Si stanno svolgendo questo pomeriggio, a Trinitapoli, i funerali, in forma strettamente privata, della piccola di due anni morta il 7 novembre scorso a Trinitapoli. Intanto, un gruppo di mamme del piccolo centro agricolo in provincia di Barletta – Andria – Trani, ha organizzato una fiaccolata per le vie del centro, per stigmatizzare il dolore di tutta la comunità per la morte della bambina, che resta ancora senza motivo e senza responsabili. La fiaccolata, per la quale le donne hanno già chiesto autorizzazione alla stazione dei carabinieri e al sindaco, partirà alle 19 di sabato prossimo e attraverserà il centro di Trinitapoli, dove viveva la piccola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400