Giovedì 16 Agosto 2018 | 02:16

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Canosa, 26enne scomparso ricerche con cani addestrati

Canosa, 26enne scomparso ricerche con cani addestrati
CANOSA - Gli investigatori non hanno dubbi: Giuseppe Vassalli, 26 anni, svanito nel nulla dal 18 agosto scorso, è stato ucciso probabilmente per uno sgarro alla malavita locale, con cui aveva stretto rapporti da qualche tempo.Dopo una prima fase di ricerche, gli uomini del commissariato di Canosa, diretti dal vicequestore aggiunto Santina Mennea, hanno di fatto concretizzato che si trattava di un caso di «lupara bianca». Soprattutto perchè Giuseppe Vassalli, che aveva subito il trapianto di fegato alcuni anni fa, aveva necessità di farmaci particolari «salvavita». Farmaci che, quando è sparito, non ha portato con sè.

Il ventiseienne incensurato - ma ritenuto dalle forze dell’ordine vicino al mondo dello spaccio - è sparito da Canosa due settimane fa. La sua auto è state ritrovata il giorno dopo in zona Locone, sulla strada che porta al «ponte del Diavolo», nell’agro di Minervino. L’auto, bruciata, non ha fornito altri indizi se non la quasi certezza che quella scomparsa difficilmente era stata volontaria.

Il telefonino del giovane non si trova ed è spento dal giorno della sua scomparsa, spento definitivamente forse alla periferia della città. I poliziotti da qualche giorno cercano quindi non più una persona in vita ma un cadavere: per questo da ieri sono al lavoro anche i cani molecolari del Nucleo di Palermo, specializzati nella ricerca di resti umani.

La zona che viene maggiormente battuta è quella del ritrovamento dell’auto e la vicina zona della diga del Locone, ma non si esclude il controllo di altre zone, soprattutto quelle vicine alle strade provinciali dell’agro di Loconia e la statale 93.

Se le speranze di trovare in vita Vassalli sono quasi nulle, poche sono anche le probabilità di trovare il suo corpo. Così come accaduto per Sabino D’Ambra, scomparso nel 2010, e prima ancora, nel 2003, per Sabino Sasso e Alessandro Sorrenti. Di tutti non s’è più mai più trovata traccia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Barletta, risiko al Comune:giorni decisivi per la crisi

Barletta, risiko al Comune:
giorni decisivi per la crisi

 
Bari e Trani, altri 4 mortiin due incidenti stradali

Bari, muoiono madre e figlia
Trani, 2 morti dopo il mare

 
Trani, in arrivo un passaggio pedonale alternativo per attraversare i binari

Trani, in arrivo un passaggio pedonale alternativo per attraversare i binari

 
Movida nel Nord Barese: piste da ballo al tramonto

Movida nel Nord Barese: piste da ballo al tramonto

 
Nord Barese: si prospetta una vendemmia col segno più

Nord Barese: si prospetta una vendemmia col segno più

 
Bisceglie, tour turistico di notteal cimitero: scoppia la polemica

Bisceglie, tour turistico di notte
al cimitero: scoppia la polemica

 
Caso Barletta, Caracciolo a Mennea:«Getti fango per il posto in giunta»

Caso Barletta, Caracciolo a Mennea: «Getti fango per il posto in giunta»

 
Edilizia scolastica, pronti i finanziamenti

Edilizia scolastica, pronti i finanziamenti

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS