Cerca

«Operazione tre monete» solidarietà in campo ad Andria

di MICHELE PALUMBO
«Operazione tre monete» solidarietà in campo ad Andria
di MICHELE PALUMBO

ANDRIA - Il Centro “Igino Giordani” di Andria ha attivato un’iniziativa denominata “Operazione tre monete: 1-2-5”. Uno dei responsabili del Centro, Gino Piccolo, ha spiegato di cosa si tratta: “L’Operazione 1-2-5 nella libertà”, consiste nel ritenere superflue le monetine da 1-2-5 centesimi di euro che, raccolte nella comunità, vengono destinate per azioni di fraternità e comunione”. In pratica si tratta di cercare il massimo (un’azione di solidarietà) con il minimo (le monetine da uno, due e cinque centesimi), di produrre un intervento utile con monetine che a molti sembrano ormai inutili come, per l’appunto, quelle dei centesimi di euro.

I componenti del Centro ‘Igino Giordani’ di Andria, assieme a quelli di altre città, hanno anche inviato una nota a papa Francesco proprio per comunicargli la piccola esperienza da cui è partita “l’Operazione 1-2-5 nella libertà”, un’esperienza che si trova in perfetta sintonia con quanto proprio papa Francesco sta ribadendo in continuazione e cioè di non diventare schiavi del profitto e di dedicare invece tempo agli altri ed alla bellezza del creato.

Gino Piccolo ha poi raccontato una storia, tratta da ‘I detti dei Padri dei deserti’, che riguarda proprio tre monete. Questa: “Un anziano monaco interrogò l’aspirante novizio: ‘Se tu avessi tre monete d’oro, le daresti ai poveri?’. ‘Di tutto cuore, p a d re ! ’, fu la risposta. L’anziano monaco chiese ancora: ‘E se tu avessi tre monete d’argento?’. “Molto volentieri le darei”, rispose il giovane. Infine, il monaco chiese: ‘E se tu avessi tre piccole monete di rame?’. ‘No, non le darei!’, fu la nuova risposta. Stupito, il monaco chiese: ‘Perché mai?’. Il novizio rispose: ‘Perché io ho tre monete di rame!’”. Come dire: siamo disposti a dare sempre quello che non abbiamo. Perché quello che abbiamo è troppo difficile darlo.

Gino Piccolo ha quindi così concluso: “Così riduciamo la nostra vita, e a volte il nostro cristianesimo, a grandi proclami e propositi, che sono tanto grandi quando rassicuranti, perché irrealizzabili. Il problema di accettare una grande esigenza , invece, sta nel mettere sul banco quello che abbiamo in tasca, quello che siamo, quello che realmente abbiamo”. Tre monete di rame, dunque, come quelle dei nostri centesimi di euro. Tre monete di rame da destinare all’Operazione 1-2-5”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400