Cerca

Caso Azzollini, Renzi: «Non siamo passacarte della Procura di Trani»

Caso Azzollini, Renzi: «Non siamo passacarte della Procura di Trani»
ROMA – Nessuna dietrologia ma un voto "maturo" e "in buona fede", giunto dopo un’attenta lettura delle carte. A 48 ore dal 'nò del Senato all’arresto di Antonio Azzollini, il premier Matteo Renzi tenta di chiudere una volta per tutte un caso che ha ulteriormente accesso lo scontro interno ai Dem. E lo fa affermando, senza mezzi termini, che il Parlamento "non è un passacarte della Procura". Parole che non alimentano un nuovo scontro con magistratura ma accendono la polemica tra il premier e Dario Stefano, presidente di quella Giunta delle immunità del Senato sconfessata dall’Aula, che parla di punto di vista "imbarazzante".

Renzi, tuttavia, oggi, ha voluto mettere un punto alla questione, ribadendo la convinzione del rispetto rigoroso e reciproco delle competenze. Principio che vale per tutti, anche per la magistratura. "Avendo grande rispetto della Costituzione, diciamo che rispettare la magistratura è rispettare le competenze dei giudici e anche degli altri", scandisce il premier che se da un lato incassa l’applauso dello stesso Azzollini ("una dichiarazione esemplare"), dall’altro provoca l'ira di Stefano. "Il premier conservi equilibrio anche nei momenti di difficoltà e rispetti l’assoluta autonomia delle Camere in materia di immunità parlamentari", sbotta l’esponente Sel difendendo il lavoro della Giunta e la sua autonomia e definendo "imbarazzante" un "punto di vista così affrettato e superficiale sul lavoro svolto dalla Giunta".

Dal pm di Trani, Carlo Maria Capristo, arriva invece un secco no comment, mentre il presidente dell’Anm Rodolfo Sabelli sceglie di non "alimentare inutili polemiche". "Al di là delle parole usate, mi pare che il presidente Renzi abbia voluto distinguere ambiti, reciprocamente autonomi, di una stessa vicenda: quelli dell’autorità giudiziaria e quelli del Senato", è il parere di Sabelli.

Ma nel Pd la polemica è tutt'altro che spenta. "Poteva esserci fumus persecutionis, credo alla buona fede e all’intelligenza dei senatori", assicura Renzi difendendo la lettera con cui il capogruppo al Senato Luigi Zanda indicava la linea della libertà di coscienza. Una linea "ipocrita" perchè, se si poteva cambiare idea, andava fatto "a viso aperto", affonda Alfredo D’Attorre esternando un sospetto, quello delle "motivazioni politiche" della sconfessione del voto della Giunta, che nella minoranza Pd serpeggia con insistenza.

Il sospetto cioè – alimentato anche dai rumors parlamentari delle scorse ore – di evitare una scelta che avrebbe rischiosamente destabilizzato Ap, principale alleato del Pd al governo. E se il caso del senatore pugliese è ormai destinato ad essere archiviato dalla cronaca politica, la scelta del Pd su Azzollini potrebbe tornare presto d’attualità con un altro caso, quello dell’alfaniano Giovanni Bilardi, sul quale la relatrice in Giunta delle immunità, la Dem Stefania Pezzopane, si è espressa con un sì all’autorizzazioni a procedere con i domiciliari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400