Cerca

Trani, «in autunno il nuovo Pronto soccorso»

Trani, «in autunno il nuovo Pronto soccorso»
di LUCIA DE MARI

TRANI - “Credo che presto l'ospedale di Trani tornerà pienamente funzionale e fruibile. Abbiamo mostrato al sindaco un plesso in piena evoluzione, con il cantiere del nuovo Pronto soccorso, per il quale i lavori sono a buon punto ed all’esito dei quali Trani avrà un punto di riferimento di emergenza-urgenza di tutto rilievo nell’intero territorio sanitario locale”: così si è espresso l’altro giorno, siamo a luglio 2015, il direttore generale dell'Asl Bt, Ottavio Narracci, commentando il sopralluogo effettuato a ciò che resta del “S. Nicola Pellegrino” insieme con primo cittadino, Amedeo Bottaro, al consigliere regionale, Mimmo Santorsola, al consigliere comunale, Carlo Avantario ed altri esponenti della maggioranza.La storia è scritta sui libri. Ma anche sui giornali. E noi di storia vogliamo parlare, proprio attraverso le nostre pagine degli anni passati. L’argomento è sempre lo stesso. Le date ed i nomi, invece, sono diversi. Cominciamo con la cronaca del 19 giugno 2008, e con il titolo “Pronto soccorso, lunedì riprendono i lavori”.

Il cronista riportava gli annunci della Asl che dicevano: “Rocco Canosa, direttore generale dell'Asl Bat, ha incontrato i responsabili della ditta Mafra, responsabile dei cantieri aperti presso gli ospedali di Trani e Bisceglie, per risolvere i problemi relativi ai ritardi accumulati nello svolgimento degli lavori. E' stato raggiunto un accordo in base al quale la ditta Mafra si impegna a riaprire i cantieri lunedì 23 giugno ed a rispettare il crono-programma previsto dal contratto. I lavori in corso riguardano la rifunzionalizzazione di entrambe le strutture ospedaliere: in particolare sono previsti lavori di adeguamento alle norme antincendio e saranno saranno realizzati lavori nei pronto soccorso e nelle sale operatorie”. Dunque, 2008, sindaco Giuseppe Tarantini, presidente della Regione Puglia era Nichi Vendola, e l’ospedale di Trani era già stato smantellato dei migliori reparti.

Avanti con gli anni, maggio 2013, altra pagina, altro titolo, altri nomi, stesse promesse: “Mercoledì 23 maggio cominciano i lavori all'ospedale di Trani: lo annuncia un comunicato della Asl Bt, in cui si spiega in breve che «il Comune ha infatti appena rilasciato l'ultimo permesso per dare il via ai lavori che riguarderanno tutto il San Nicola Pellegrino. Il progetto, finanziato con 3milioni e 800mila euro prevede interventi di riqualificazione al Pronto Soccorso e a tutti i piani della struttura». Bene. Lo avevano preannunciato l’assessore regionale Gentile e il Dg Gorgoni nella riunione dell’8 maggio scorso, alla presenza del sindaco Riserbato e degli esponenti del comitato civico L328. E mercoledì partono i lavori”.

Di cosa si trattava? “Lavori di rifunzionalizzazione del pronto soccorso e messa a norma della struttura. Negli anni scorsi il cantiere, prima aperto e poi bloccato, è stato al centro di un contenzioso con la ditta appaltatrice; poi l’assurda sede provvisoria, poi il nuovo progetto. Mercoledì l’apertura del cantiere. Per il San Nicola pellegrino dunque il futuro comincia a diventare presente con l’avvio dell’annunciato programma di riconversione e rilancio”. Mercoledì, maggio 2013, sindaco Riserbato, Dg Gorgoni, presidente della Regione, Vendola.

Andiamo avanti: 4 novembre 2014, i sindacati protestano contro il ridimensionamento paventato del Pronto Soccorso ma “il paradosso – si leggeva nelle cronache – è che sono in fase di ultimazione i lavori di ristrutturazione”.

Ed eccoci ad oggi: Bottaro, accompagnato da Narracci ha potuto rendersi conto dello stato dei lavori del pronto soccorso ed ha visitato anche le sale operatorie. “Con soddisfazione – ha spiegato il sindaco – ho potuto verificare personalmente come i lavori al pronto soccorso stiano procedendo ed anche in maniera spedita. Di questo passo, già per il prossimo autunno, la struttura potrà funzionare a pieno regime. Dico di più: l’intervento che si sta portando a termine è di assoluto rilievo, il che mi fa pensare, per il nostro ospedale, ad un deciso cambio di passo rispetto ai problemi del passato”.

Bottaro ha ringraziato il dg della Asl: “Ad una mia richiesta, del tutto informale, per comprendere lo stato dell’arte dell’ospedale ed in particolare del pronto soccorso, Narracci ha risposto dimostrando una grande disponibilità e rendendosi immediatamente disponibile per una visita alla struttura. Anche questo gesto mi sembra un ottimo segnale rispetto al passato”. Sindaco Bottaro, dg Narracci, governatore Emiliano.

La storia siamo noi. Nessuno si senta escluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400