Cerca

La denuncia: «Reflui di fogna nella falda a Bisceglie»

La denuncia: «Reflui di fogna nella falda a Bisceglie»
«A seguito di alcune segnalazioni, gli scriventi cittadini biscegliesi hanno inviato a mezzo raccomandata un esposto alla Procura della Repubblica di Trani (e ad altri Enti competenti) per segnalare lo scarico in falda delle acque reflue provenienti dall'impianto depuratore di Corato. Da oltre un mese e a circa metà del suo consueto percorso, i reflui "scompaiono" in un inghiottitoio, finendo con l'inquinare gravemente la falda freatica del nostro sottosuolo». Scrivono così Titti Mastrapasqua e Alfredo Logoluso nell’«esposto riguardante lo scarico dei reflui fognari provenienti dal depuratore di Corato nella falda freatica, attraverso un inghiottitoio in territorio di Bisceglie».

I REFLUI «SCOMPARSI» - E proseguono: «Il corpo idrico superficiale costituito dai reflui scaricati sul suolo dall’impianto depuratore di Corato presso “lama fondo Griffi“, da oltre un mese non raggiunge il proprio recapito finale in mare presso “cala Pantano” in territorio di Bisceglie; il letto del canale risulta secco lungo tutta la seconda metà del suo percorso, sul fondo della “lama di Macina”.
In seguito si constatava e si documentava (si veda la foto qui accanto, ndr), che in agro di Bisceglie presso "lama S.ta Croce", precisamente circa 100 mt a Nord-Est di “Torre Cassanelli”, il canale di scarico devìa sul lato sinistro rispetto al verso di scorrimento delle acque reflue, e sversa la portata del torrente (pari a 8.219 tonnellate al giorno secondo dati dell’Agenzia regionale per l’ambiente) direttamente nella falda freatica sottostante, attraverso un inghiottitoio».

CHI INTERVIENE? - Mastrapasqua e Logoluso manifestano «forte preoccupazione per il grave inquinamento che gli scarichi maleodoranti di colore scuro e a tratti schiumosi provocano alla falda freatica del sottosuolo, e di conseguenza anche a tutto il territorio agricolo e attività ad esso correlate» e quindi sollecitano i destinatari della missiva (Polizia Provinciale di Barletta-Andria-Trani, Comando Carabinieri del NOE di Bari, AQP Direzione Generale, AIP Direzione Generale, Comune di Bisceglie), «ciascuno secondo le proprie competenze e responsabilità, affinché provvedano a porre termine allo scarico inquinante di fogna nella falda freatica e a ripristinare lo scorrimento delle acque sul suolo fino al mare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400