Cerca

Una baraccopoli in zona archeologica

Una baraccopoli in zona archeologica
CANOSA DI PUGLIA (BARLETTA-ANDRIA-TRANI) - Una vera e propria «baraccopoli» realizzata in una zona sottoposta a vincolo paesaggistico, nei pressi di un sito archeologico e della Pineta Castello, è stata sottoposta a sequestro a Canosa di Puglia nel corso di un’operazione congiunta compiuta dal Corpo Forestale dello Stato, Polizia di Stato e Polizia Municipale, coadiuvati dal personale della Asl. Sono state denunciate tre persone, risultate proprietarie dei due terreni – per una superficie complessiva di un ettaro – a cui sono stati apposti i sigilli.

Le baracche – all’interno delle quali sono stati anche trovati dei letti – venivano utilizzate soprattutto come deposito e ricovero per animali. All’interno dell’area, in particolare, erano stati realizzati manufatti in muratura e costruzioni precarie con pannelli di legno e lastre di eternit. Inoltre, erano state depositate carcasse di autoveicoli, cumuli di rifiuti rivenienti da demolizioni edili, rottami ferrosi e frammenti di amianto. Sono stati anche rinvenuti la carcassa di una pecora e diversi ossi di ovini. I proprietari dei terreni sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria di Trani per violazione della normativa paesaggistico-urbanistica nonchè per gestione di rifiuti non autorizzata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400