Cerca

Benvenuti a Bisceglie tra degrado e abbandono

di LUCA DE CEGLIA
BISCEGLIE - Chiamiamole, se vogliamo, situazioni di degrado urbano. Ma, certamente, non suscitano emozioni i casi di ordinaria trascuratezza e di abbandono che vengono spesso segnalati dai lettori a Bisceglie. Anzi i ritardi degli interventi di manutenzione richiesti non offrono u n’immagine della città reale, diversa da quella che si propone negli eventi come la Borsa del turismo di Milano
Benvenuti a Bisceglie tra degrado e abbandono
di LUCA DE CEGLIA
BISCEGLIE - Chiamiamole, se vogliamo, situazioni di degrado urbano. Ma, certamente, non suscitano emozioni i casi di ordinaria trascuratezza e di abbandono che vengono spesso segnalati dai lettori a Bisceglie. Anzi i ritardi degli interventi di manutenzione richiesti non offrono u n’immagine della città reale, diversa da quella che si propone negli eventi come la Borsa del turismo di Milano.

TORRE DELL’OROLOGIO - Lascia attoniti lo stato di fatiscenza in cui versa la torre ottocentesca dell’orologio pubblico, in pieno centro. È in preda a muffe, infiltrazioni di acqua piovana e calcinacci cadenti, vicino al pregevole monumento del Calvario. Ma sia per la torre, ostacolata da un eterno luna park, che per il vicino immobile dell’ex orfanotrofio “Bombini” non vi sono interventi di restauro.

FONTANE VILLA COMUNALE - Un lettore ci segnala lo stato di disfunzione delle due fontane artistiche in piazza Vittorio Emanuele II. Gli zampilli dell’acqua sono guasti ed intorno c’è una patina scivolosa ed insidiosa per i numerosi bambini che ci vanno a giocare. A questo si aggiungano le erbacce nelle aiuole. Invece nel “Palazzuolo” vi è la pavimentazione divelta dalle radici dei pini che causa rovinose cadute di pedoni.

PROCESSIONARIA - La pineta della scuola primaria “Angela Di Bari” nel rione San Pietro è invasa da parecchi giorni dalla “processionaria”, il parassita urticante che può rivelarsi nocivo per chi entra in contatto. L’infestazione aumenta. Si resta in attesa dei richiesti interventi di bonifica dei numerosi alberi di pino.

STRADE GROVIERA - La rete viaria cittadina presenta strade con buche disagevoli e che fungono da trappole per gli automobilisti. Tra gli esempi indicati come bisognevoli di ripristino urgente vi sono via Imbriani e via Di Vittorio; ma non è da meno lo stato di dissesto del manto stradale della trafficatissima via San Martino, di via Cala dell’Arciprete e dell’incrocio semaforico con via Fondo Noce, a causa di consistenti avvallamenti del piano stradale causati dalle radici dei pini. Inoltre gli svincoli di Bisceglie della strada statale 16 bis hanno le aiuole colme di rifiuti ed i cordoli frantumati.

PIAZZA CASTELLO - Quella che dovrebbe splendere come piazza storica, col suo castello, si presenta in uno stato incredibile di sgradevole degrado igienico sanitario. La segnalazione, dopo essersi trovati di fronte ad un tappeto di feci umane e di deiezioni canine che impedisce la sosta dei visitatori in largo Purgatorio, i bambini di due classi della scuola elementare “Salnitro” hanno deciso di scrivere al sindaco affinchè si intervenga per ripristinare il decoro e l’igiene pubblica. Invece la millenaria torre “maestra” rimane avvolta da molti anni in un groviglio di cavi elettrici penzolanti. Il vicino largo dell’importante chiesa di Sant’Adoeno è soffocato dalle auto in sosta. In ultimo una curiosità: sul cinquecentesco bastione di San Martino sul porto, appena finito di restaurare, è spuntata nuovamente l’erba parietaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400