Cerca

Trani, da mesi estorceva soldi a gioiellere in crisi in cella albanese «recidivo»

TRANI - Da novembre con altri complici si presentava presso il negozio e si faceva consegnare denaro sumulando di essere armato. Determinante la collaborazione di un istituto di vigilanza privato
Trani, da mesi estorceva soldi a gioiellere in crisi in cella albanese «recidivo»
TRANI - Un cittadino albanese di 27 anni, con precedenti per droga e reati contro la persona, è stato arrestato dai Carabinieri di Trani in quanto ritenuto responsabile di una serie di spisodi di estorsione ai danni di un gioielliere della cittadina del nord barese.

Secondo qaunto accertato dagli investigatore, l'albanese - insieme ad altri complici in via di identificazione -  a partire dal Novembre dell’anno scorso, si era infatti presentato presso l’esercizio commerciale della vittima e, sotto esplicite minacce di morte ovvero simulando il possesso di una pistola nella tasca del giubbotto, si era fatto più volte consegnare somme di danaro sempre crescenti fino a giungere alla somma complessiva di circa 4700 euro.

Determinanti per l’intervento dei Carabinieri di Trani la collaborazione in prima battuta della locale vigilanza privata e successivamente della stessa vittima che, seppur in via assolutamente indiziaria, consentivano agli investigatori di seguire la giusta pista per individuare l’estorsore.

Il 27enne è stato arrestato in esecuzione di misura cautelare emessa dal gip del tribunale di Trani per estorsione, con l'aggravante del fatto che l'albanese, già destinatario di una misura di prevenzione, ha commesso nuovamente un reato nel triennio successivo alla cessazione di detta misura.    

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400