Cerca

Ecco «Con voi retour» Claudio Baglioni si racconta in musica

di COSIMO DAMIANO DAMATO
BARLETTA - Conto alla rovescia per i fans pugliesi di Baglioni che approderà al Paladisfida di Barletta venerdi 21 novembre con il live “Con voi retour”, il concept di questo nuovo viaggio per Baglioni è in queste parole : “Il futuro? Una città che si progetta e si costruisce insieme . La ricostruzione – spiega Baglioni - non è un fatto individuale, ma un processo collettivo. Tutti sono chiamati a fare la propria parte, a mettere in gioco idee, valori, volontà, in una parola: se stessi, perché il futuro è una città che si disegna e si costruisce insieme"
Ecco «Con voi retour» Claudio Baglioni si racconta in musica
di Cosimo Damiano Damato

BARLETTA - Conto alla rovescia per i fans pugliesi di Baglioni che approderà al Paladisfida di Barletta venerdi 21 novembre con il live “Con voi retour”, il concept di questo nuovo viaggio per Baglioni è in queste parole : “Il futuro? Una città che si progetta e si costruisce insieme . La ricostruzione – spiega Baglioni - non è un fatto individuale, ma un processo collettivo. Tutti sono chiamati a fare la propria parte, a mettere in gioco idee, valori, volontà, in una parola: se stessi, perché il futuro è una città che si disegna e si costruisce insieme. Ognuno di noi operaio di questa opera”.

Quello di Baglioni non è un semplice concerto ma un vero e proprio spettacolo teatrale, dalle tinte musical con affondi nel recital, fra racconto del sé e musica. L’arte della ricostruzione, un sentire che rivela il Baglioni più civile, con il suo sguardo sempre oltre, con quella speranza antica che ci riporta alla lunga strada più volta narrata nella sua poetica musicale. Lo spazio scenico è un cantiere, veri murales dove scrivere la storia, l’amore, le speranze, i sogni di intere generazioni che si abbracciano proprio grazie alla musica. Baglioni in questo tour si libera in un canto largo dalle sonorità rock, un graffio, un urlo, una melodia che ammalia, accarezza, muove e commuove, devasta e sorride, preghiere laiche e poesie orfiche, storie che diventano carne viva emozionale, sensitiva vitalità, forza e anima, bellezza e purezza, energia ed adrenalina che esplode in quell’equilibrio folle, disperato e amorevole che è la vita.

In scaletta non solo le canzoni di “Con voi” ma anche quel canzoniere potente che ci dona da oltre 40 anni. Le trame letterarie dei testi delle canzoni di Baglioni vanno a scandagliare nel suo vissuto artistico e personale recuperando le sue perle migliori, o in altri casi canzoni meno conosciute ma che meritano una grande attenzione, senza dimenticare quelle più amate che fanno parte della storia della memoria di tre generazioni. La maturità artistica del cantautore romano la troviamo in quell’incoscienza artistica che viene rivestita da una grande consapevolezza di aver scritto un lungo manifesto per la musica italiana.

Un lavoro fresco, non un semplice restyling ma una vera e propria nuova ispirazione, una riscrittura ragionata che tuttavia in un ossimoro degno della follia dei geni dell’arte ne conserva la sua originalità. Un vero guitto sonoro e narrativo che ancora riesce a commuoverci e che per anni ha dispensato abbracci, dato coraggio, una spinta elegiaca al primo bacio, i primi amori con tutta la complessità dell’universo giovanile fatto di timori ma anche di speranze, sensazioni ed emozioni cullate da incanti e disillusioni. Un viaggio nei ricordi e nelle passioni, un dialogo che rivela una percezione del sé, puro e solitario che mette l’uomo allo specchio delle sue fragilità.

Il Baglioni di Con voi si rivela un grande ammaliatore della parola, ne conosce la forza e la consistenza e la stessa musica quasi minimale si affida all’intensità della parola, fra coraggio, vita, amore e ancora quella maledetta voglia di sognare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400