Cerca

I primi vent’anni della sagra del cardoncello

di ROSALBA MATARRESE
MINERVINO - Conto alla rovescia per la sagra del “Fungo cardoncello” arrivata a festeggiare i venti anni dalla sua ideazione e che quest’anno si terrà l’ultimo fine settimana di ottobre, sabato 25 e domenica 26 ottobre. La Pro loco, che da venti anni organizza la manifestazione, ha messo a punto una serie di iniziative
I primi vent’anni della sagra del cardoncello
di ROSALBA MATARRESE

MINERVINO - Conto alla rovescia per la sagra del “Fungo cardoncello” arrivata a festeggiare i venti anni dalla sua ideazione e che quest’anno si terrà l’ultimo fine settimana di ottobre, sabato 25 e domenica 26 ottobre. La Pro loco, che da venti anni organizza la manifestazione, ha messo a punto una serie di iniziative.
Invariata la formula che attrae ogni anno numerosissimi visitatori e turisti. Protagonisti saranno la gastronomia tipica e il paniere dei prodotti tipici locali. Produttori ed artigiani allestiranno i vari stand nel centro storico destinati sia alla degustazione sia all’acquisto. La manifestazione culinaria e gastronomica si concentra nelle stradine più centrali: corso Matteotti, in piazza Bovio e lungo corso De Gasperi fino a piazza De Deo. Turisti e visitatori potranno dedicarsi alla ricerca di tipicità gastronomiche e di prodotti locali, tra cui spicca il fungo cardoncello della Murgia.

Ma la sagra è anche occasione per dare uno sguardo alle produzioni dell’artigianato: in molti stand si troveranno antiquariato, quadri, cesti in vimini, pizzi e merletti. Non mancheranno le degustazioni di tutta la gastronomia, in particolare quella dei funghi. A corredo della manifestazioni ci saranno una serie di iniziative collaterali: mostre di quadri, passeggiate naturalistiche, visite guidate nel borgo antico La Scesciola, animazione ed esposizioni di pittori ed artisti. Il percorso della sagra consente di ammirare e visitare i monumenti e le chiese del centro murgiano: la torre dell’Orologio, la Chiesa dell’Assunta, il centro storico, la Chiesa della Croce e la Grotta di San Michele, il santuario della Madonna del Sabato situate a poco distanza dal centro abitato.

La sagra è un appuntamento ormai consolidato che ha contribuito a promuovere l’imma gine del Balcone delle Puglie al di fuori dei confini regionali. Non mancheranno iniziative e eventi collaterali. “Ci stiamo lavorando – spiega Tonino Ippolito alla guida della Pro loco – dato che quest’anno festeggiamo i venti anni di sagra, non possiamo che ideare un’edizione ricca e articolata. Siamo soddisfatti di come questa sagra sia diventata un punto di riferimento per i turisti e i visitatori e ogni anno registriamo boom di presenze e grande interesse. Vogliamo naturalmente rinnovare questi successi”. La sagra, come sempre, è organizzata dalla Pro loco e dal Comune, con il patrocinio di vari enti e la collaborazione di numerose associazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400