Cerca

Confcommercio «Con i saldi diamo una spallata alla crisi»

"L'affare dello shopping per dare una spallata alla crisi": è l’appello ai consumatori della Confcommercio Bari-Bat in vista dell’apertura, il 5 luglio, della stagione del saldi estivi. “I saldi – si sottolinea – rappresentano ancora oggi uno straordinario momento di rilevanza economica e di costume. Un’occasione da sfruttare ancora di più quest’anno dopo un lungo periodi di crisi e austerity, forti del bonus 'taglia Irpef' di 80 euro
Confcommercio «Con i saldi diamo una spallata alla crisi»
BARI – "L'affare dello shopping per dare una spallata alla crisi": è l’appello ai consumatori della Confcommercio Bari-Bat in vista dell’apertura, il 5 luglio, della stagione del saldi estivi. “I saldi – si sottolinea – rappresentano ancora oggi uno straordinario momento di rilevanza economica e di costume. Un’occasione da sfruttare ancora di più quest’anno dopo un lungo periodi di crisi e austerity, forti del bonus 'taglia Irpef' di 80 euro che molti italiani da maggio trovano nelle buste paga e che – secondo le intenzioni – spesso saranno almeno in parte devoluti proprio per questi acquisti”.

“Diamo insieme – questo l’appello del presidente della Confcommercio Bari-Bat, Alessandro Ambrosi – una spallata alla recessione che sta piegando la nostra economia. Proviamo insieme a cogliere e sfruttare quei lievi segnali positivi, con i commercianti che – nel rispetto delle regole previste – possono sfruttare a pieno l’offerta qualitativa e quantitativa delle proprie attività in città, quali quelle della Puglia, tradizionalmente a forte vocazione commerciale, e con i consumatori che potranno impegnarsi nella caccia all’affare”.

“Si comincia sabato prossimo, come detto, con la maggior parte dei negozi – si conclude – che ha già deciso di alzare le saracinesche anche delle due domeniche successive, nel nome di quelle 'deroghe utili' al calendario delle aperture dei festivi, da sempre invocate dalla Confcommercio quale antidoto alla deregulation introdotta dalla totale liberalizzazione”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400