Giovedì 19 Luglio 2018 | 19:42

l'inchiesta

Barletta, rifiuti bruciati
nella cementeria: 18 indagati

cementeria Barletta

ANTONELLO NORSCIA
TRANISi chiude con 18 indagati in odore di processo una delle inchieste della Procura della Repubblica di Trani sull’inquinamento a Barletta.Passate le festività di fine anno, con le forze dell’ordine libere anche dai relativi servizi di pattugliamento, gli agenti di polizia giudiziaria hanno provveduto alla notifica del relativo avviso di conclusione delle indagini sul disastro ambientale, che a vario titolo vede coinvolti i legali rappresentanti di alcune società (tra cui la Buzzi Unicem Spa più semplicemente nota come la Cementeria), membri del Comitato Tecnico Provinciale Bat, dirigenti della Regione Puglia e dipendenti dell’Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione dell’Ambiente (A.R.P.A.-Puglia).

Le ipotesi di reato contestate, a vario titolo e a seconda delle presunte rispettive responsabilità dal sostituto procuratore tranese Antonio Savasta sono delitto colposo di danno, delitti colposi contro l’ambiente, falso ideologico, abuso d’ufficio, e violazione della normativa in tema ambientale (Decreto legislativo n.152/2006).
I fatti contestati vanno dal 18 febbraio 2012 ad oggi. La notifica dell’avviso di chiusura inchiesta riguarda: Silvio Picca e Pietro Buzzi, succedutisi quali legali rappresentanti della Buzzi Unicem spa; Giuseppe Angelo Dalena legale rappresentante della srl Dalena Ecologia che ha sede legale a Putignano e stabilimento a Barletta in Via Vecchia Madonna dello Sterpeto; Ruggiero Rosario Bruno, legale rappresentante della TRA.SMA.R. sas che ha sede in Contrada Crocifisso; Michele Scaringella quale legale rappresentante della Corgom srl che ha sede legale a Corato.

Poi i membri del Comitato Tecnico provinciale BAT del 22.06.2011 che hanno istruito la pratica ed espresso parere favorevole per la concessione dell’autorizzazione di Valutazione d’impatto ambientale (Via) alla gestione dei rifiuti: l’architetto Pasquale Antonio Casieri, l’ingegner Giancarlo Chiaia, Francesco Contento, il geologo Andrea Salvemini, la dr.ssa Francesca Seccia, l’avvocato Giampaolo Sechi.Per gli uffici regionali sono indagati gli ingegneri Giuseppe Tedeschi e Paolo Francesco Garofoli, rispettivamente dirigente del Servizio Rischio Industriale della Regione Puglia e funzionario “alta professionalità Autorizzazione integrata ambientale”.


Cinque, infine, i dipendenti dell’ARPA Puglia: l’ingegner Giuseppe Gravina, il dr. Roberto Giua, Salvatore Ficocelli, Massimiliano Antonio Maurelli, Carmelo Capoccia, interessatisi al campionamento fumi ed ai relativi verbali di prelievo del 25 marzo 2011.
Ora gli indagati hanno 20 giorni per difendersi ed evitare la richiesta di processo, producendo al pm inquirente memorie difensive, chiedendo l’interrogatorio ed un supplemento d’indagini. Secondo l’accusa, gli amministratori della spa Buzzi Unicem avrebbero gestito “illecitamente di fatto un impianto d’incenerimento rifiuti speciali forniti dalle imprese Dalena Ecologia, Trasmar e Corgom grazie all’autorizzazione o al falso parere favorevole all’esercizio di quest’attività, fornito dai funzionari regionali e dai dipendenti dell’A.R.P.A. con la qualifica di pubblici ufficiali. Ci sarebbero state “emissioni inquinanti rivenienti dalla combustione di rifiuti superiori al limite di legge prevista nell’ambito della tipologia dei rifiuti, trattandosi di un impianto ubicato nei 200 metri da insediamenti residenziali”.

Nel corso del campionamento delle emissioni compiuto il 25 marzo 2011 i dipendenti dell’Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell’ambiente Puglia non avrebbero eseguito prelievi da entrambi i camini della Cementeria, “facendo risultare circostanze di fatto non veritiere e quindi certificando dati di rilevamento non conformi alla legge, al fine di far risultare – è scritto nell’avviso di conclusione delle indagini – una situazione non inquinante delle emissioni”. Di qui la contestazione dell’accusa di falso ideologico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Anziano ucciso a coltellate in casa a Barletta. Il figlio portato in caserma

Barletta, anziano ucciso a coltellate in casa. Il figlio portato in caserma

 
Parcheggiatori abusivi tra illegalità e minacce

Parcheggiatori abusivi
tra illegalità e minacce

 
Spara a ex datore lavoroarrestato pescatore 40enne

Trani, spara a ex datore lavoro arrestato pescatore 40enne

 
Festa patronale crisi di donazioni

Festa patronale
crisi di donazioni

 
Sbarre abbassate e disagi cittadini stufi di attendere

Sbarre abbassate e disagi
cittadini stufi di attendere

 
Stop alla xylella nasce Save the Olives

Stop alla xylella
nasce Save the Olives

 
Scontro treni in Puglia, al via udienza preliminare per 18

Scontro treni in Puglia, al via
udienza preliminare per 18
Emiliano: seguirò il processo

 
Trinitapoli, punto da uno sciame d'api: 45enne morto per shock anafilattico

Trinitapoli, punto da sciame d'api: 45enne morto per shock anafilattico

 

GDM.TV

Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 

PHOTONEWS