Mercoledì 15 Agosto 2018 | 17:16

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Il caso

Bisceglie, Sos dolmen: chi salverà il monumento simbolo della città?

Il megalite, scoperto nel 1909, tra incuria e progetti mai attuati. Anche la splendida grotta di santa croce non è in condizioni migliori e merita attenzione





Il dolmen di Bisceglie

BISCEGLIE - Più che monumento “Messaggero di pace”, titolo conferitogli dall’Unesco in pompa magna alcuni anni fa, è purtroppo testimone di uno stato di incuria e di degrado a dir poco sconcertante. Il grande “vecchio” dolmen “la Chianca” di Bisceglie è in penoso abbandono, tra le erbacce, privo di ogni tutela e di prospettive urgenti di intervento.

Il misterioso megalite risalente all’età del Bronzo Medio (considerato tra i più importanti d’Europa), il simbolo che ha lanciato il nome di Bisceglie ovunque, e che destò grande interesse nel 1909 quando fu scoperto negli uliveti a circa 4 chilometri dal centro urbano, giace dimenticato tra progetti di valorizzazione annunciati e mai realizzati. Una vergogna da cancellare. Il dolmen “la Chianca” è stato celebrato con un’apposita emissione di un francobollo. Ma oggi “piange” per la desolazione e la mancanza di una concreta programmazione turistica. Quindi è un bel banco di prova per l’appena nominato assessore alla cultura ed al turismo Tonia Spina e per l’amministrazione comunale Angarano. Peraltro nell’analoga condizione versa il dolmen Frisari, ridotto ad un illeggibile cumulo di pietre dopo il furto della sua recinzione perimetrale.

In questo declino culturale, ereditato dalla precedente amministrazione Spina, che preferì spendere ingenti fondi per manifestazioni canore e film inutili, sono finiti la grotta di Santa Croce (la cui lunghissima chiusura ai visitatori, che permane, ha causato un danno notevole nell’offerta turistica) e gli scavi archeologici, che stavano proiettando il territorio biscegliese a livello internazionale per le scoperte di preziosi reperti, grazie ad una convenzione con gli archeologi dell’Università di Siena, e che sono stati interrotti. Dunque un “motore culturale” spento, fermo nell’indifferenza quasi generale, che ha bisogno di essere rimesso in moto concretamente e tempestivamente, recuperando per esempio l’indispensabile collaborazione col gruppo Scout mandato in esilio. Non bastano una pizza ed una birra degustate sul porto per un turismo che sia degno di tal nome.

76011 Bisceglie BT, Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Bari e Trani, altri 4 mortiin due incidenti stradali

Bari, muoiono madre e figlia
Trani, 2 morti dopo il mare

 
Trani, in arrivo un passaggio pedonale alternativo per attraversare i binari

Trani, in arrivo un passaggio pedonale alternativo per attraversare i binari

 
Movida nel Nord Barese: piste da ballo al tramonto

Movida nel Nord Barese: piste da ballo al tramonto

 
Nord Barese: si prospetta una vendemmia col segno più

Nord Barese: si prospetta una vendemmia col segno più

 
Bisceglie, tour turistico di notteal cimitero: scoppia la polemica

Bisceglie, tour turistico di notte
al cimitero: scoppia la polemica

 
Caso Barletta, Caracciolo a Mennea:«Getti fango per il posto in giunta»

Caso Barletta, Caracciolo a Mennea: «Getti fango per il posto in giunta»

 
Edilizia scolastica, pronti i finanziamenti

Edilizia scolastica, pronti i finanziamenti

 
Barletta, ecco chi è il regista della crisiMennea (Pd) accusa il dem Caracciolo

Barletta, ecco chi è il regista della crisi. Mennea (Pd) accusa il dem Caracciolo

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS