Sabato 23 Giugno 2018 | 17:59

Il caso mazzette

Altamura, il sindaco arrestato
si dimette: il consiglio a casa

Forte è ai domiciliari da luglio, ieri la decisione e il primo giorno del processo. su un presunto giro di favori negli appalti

Altamura, il sindaco arrestatosi dimette: il consiglio a casa

ALTAMURA - Il sindaco Giacinto Forte, ai domiciliari dal luglio scorso per corruzione, e la sua maggioranza hanno rassegnato in blocco le dimissioni ieri pomeriggio. Un esito ormai inevitabile, sia per la paralisi dell’attività consiliare sia per l’incalzare della vicenza giudiziaria e delle scadenze elettorali. Oggi sarà nominato un commissario prefettizio.

Al Comune, sul tavolo della segretaria generale Antonella Fiore, sono arrivate le dimissioni del sindaco e sono state firmate quelle dei 14 consiglieri di maggioranza: il presidente dell’assise Giandomenico Marroccoli e poi Giuseppe Cifarelli, Maria Clemente, Antonio Colonna, Luca Dambrosio, Nicola Dibenedetto, Vincenzo Ferrulli, Onofrio Gallo, Domenico Laterza, Tommaso Lorusso, Nicola Fedele Loizzo, Antonio Petrara, Carlo Scarabaggio e Michele Ventricelli. Ne bastavano tredici, quindi sono efficaci per far decadere gli organi elettivi e la giunta. La maggioranza era composta da Forza Italia, Fratelli d’Italia, Noi per l’Italia e liste civiche anche se questa era la «fotografia» attuale mentre con la vittoria di Forte al ballottaggio in prevalenza gli eletti erano espressione del raggruppamento civico «Giacinto Forte Sindaco». 

Ieri, martedì, è iniziato intanto il processo (una ventina le parti civili) sul presunto giro di mazzette che vede coinvolto anche Forte, in relazione a un solo episodio. L’ormai ex primo cittadino, 48 anni, almeno per ora resterà ai domiciliari perché la seconda sezione penale del Tribunale di Bari (presidente Flora Cistulli) ha rigettato ieri l’istanza di revoca della misura cautelare presentata in apertura di udienza dalla sua difesa. Se il presunto «faccendiere» Roberto Tisci, già vicesegretario Pd di Acquaviva, e l’imprenditore di origine albanese Bertin Sallaku hanno chiesto di patteggiare, per Forte (assistito dagli avvocati Antonio Maria La Scala e Giovanni Moramarco) e per l’altro imprenditore imputato Michele Fatigati, socio di Sallaku, assistito dagli avvocati Maria Gurrado e Vito Fatigati, il processo è appena iniziato.

Al centro dell’inchiesta coordinata dai pm Claudio Pinto e Marco D’Agostino e condotta da Carabinieri e Finanza, presunti favori negli appalti di numerosi Comuni di Terra di Bari. Per Forte, sostanzialmente, l’accusa è di avere preso una mazzetta da 15mila euro da Sallaku, con l’intermediazione di Tisci, per favorire la «Besa Costruzioni» dell’albanese in relazione a un solo episodio, un appalto relativo al «riutilizzo a fini irrigui delle acque reflue affinate licenziate dal depuratore a servizio dell’abitato di Altamura». Un intervento al quale il Comune era stato ammesso con riserva del finanziamento da parte della Regione Puglia. Tisci, in un memoriale dal carcere, ha fatto delle ammissioni su molte vicende dell’inchiesta ma ha negato di avere dato soldi a Forte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Polemiche per il dlVolpe: «Uno spot in malafede»

Polemiche per il decreto legge
Volpe: «Uno spot in malafede»
Anm: iter straordinario per sede

 
cadavere trovato vicino allo stadio

Bari, trovato un corpo vicino lo stadio San Nicola

 
Baglioni in concerto a Bari, aggiunta la data dell'8 novembre

Baglioni in concerto a Bari, aggiunta la data dell'8 novembre

 
Tournée del Petruzzelli, 13 minuti di applausi a Tokyo

Tournée del Petruzzelli, 13 minuti di applausi a Tokyo

 
Reclutavano migranti nei Cara, condannati 4 somali

Reclutavano migranti nei Cara, condannati 4 somali

 
Palagiustizia Bari, i magistrati confermano lo stato di agitazione

Avvocati: decreto da impugnare
Magistrati: resta stato di agitazione
Rinvio dei processi, mille notifiche al dì

 
Assostampa: Regione Puglia revochi bando webTv

Assostampa: Regione Puglia revochi bando webTv

 

MEDIAGALLERY

Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 
Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Attentato in Etiopia, 83 i feriti

Attentato in Etiopia, 83 i feriti

 
Italia TV
Salvini contro l'obbligo di vaccini, frena M5S

Salvini contro l'obbligo di vaccini, frena M5S

 
Spettacolo TV
Uragano e pallottole in Alabama

Uragano e pallottole in Alabama

 
Economia TV
Ultimatum di Trump all'Europa sui dazi

Ultimatum di Trump all'Europa sui dazi

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea

 
Calcio TV
Messi male, e la papera Caballero

Messi male, e la papera Caballero