Cerca

Venerdì 20 Aprile 2018 | 12:40

Clinica, creditori divisi

Fumata nera per Kentron
«Voto bis» per il concordato

Nessuna delle due proposte (Neuromed e Ladisa) ha superato il quorum. Il giudice ha disposto i «supplementari» solo per la proposta del gruppo molisano che ha ottenuto più voti grazie anche a qualche defezione

kentron

Per il caso Kentron si va ai tempi «supplementari» e il rischio fallimento continua a essere lo spettro per oltre 120 lavoratori. I creditori della società cui fa capo la clinica «Giovanni Paolo II» di Putignano, infatti, torneranno a votare tra un mese sull’unica proposta di concordato preventivo rimasta in campo. Lo ha stabilito dal giudice delegato alla procedura fallimentare, Nicola Magaletti, dopo aver preso atto che nessuna delle due proposte in piedi per il salvataggio della clinica (quella del gruppo molisano Neuromed e della barese Ladisa ristorazione), entrambe ritenute valide, idonee e legittime dal Tribunale, ha raggiunto la soglia minima prevista dalla legge. I creditori, quindi, dovranno tornare a esprimere ancora la loro preferenza. Ma questa volta c’è da esprimere un «sì» e un «no» alla sola proposta, quella di Neuromed. Occorre superare la soglia di circa 15 milioni e mezzo di valore, ovvero la metà dei crediti ammessi per il placet alla proposta.

Dopo il piano presentato da Neuromed (che ha acquisito le quote della Kentron), si era inserita anche la holding della ristorazione Ladisa con una «proposta concorrente» prevista dalla nuova legge fallimentare. La conseguente «asta» aveva senza dubbio contribuito a far sì che sul piatto finisse una proposta più soddisfacente per i creditori rispetto a quella iniziale.
Bene, adesso gli stessi creditori dovranno votare ancora per dire «sì» o «no» all’unica proposta rimasta in campo, quella di Neuromed, un Irccs (istituto di ricovero e cura a carattere scientifico) che gestisce una quindicina di cliniche private tra Molise, Campania e Lazio. Il gruppo, numeri alla mano, ha conseguito la maggioranza relativa dei crediti ammessi al voto, raccogliendo il parere favorevole alla sua proposta di salvataggio per quasi 9 milioni di euro, pari a circa il 30% dei creditori.

Hanno votato per la proposta concorrente presentata da Ladisa, invece, circa il 10% dei creditori per quasi tre milioni di euro (al voto non hanno partecipato alcuni creditori che avevano sottoscritto con Ladisa la proposta concorrente). Ma la soglia raggiunta dalle due non è bastata per approvare il concordato.

Così, il giudice ha deciso di rimettere «in gara», per una seconda votazione, la proposta che ha registrato la quota maggiore. Più nel dettaglio, a partire dal 28 febbraio, riprenderanno le votazioni per decidere se accettare oppure no il piano del gruppo molisano per soddisfare parzialmente i creditori e proseguire l’attività aziendale. Se non dovesse passare con le maggioranze previste dalla legge fallimentare (va detto che influisce il «peso» del voto negativo dell’Agenzia delle Entrate, cui si aggiungerà probabilmente quello di Ladisa, anch’essa creditrice di Kentron), lo spettro del default sarebbe dietro l’angolo. [g. l.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Norman Atlantic, dopo 3 anni chiuse indagini per 32 indagati

Norman Atlantic, dopo 3 anni
chiuse indagini per 32 indagati

 
Marozzi, dopo l'accordoprimi licenziamenti via sms

Marozzi, dopo l'accordo
primi licenziamenti via sms

 
Bari, mafia della città vecchia21 arresti nel clan Capriati

Mafia, 17 arresti tra i Capriati a Bari:
«Le mani su una società del Porto
e il pizzo per la festa di San Nicola»

 
Bari, D'addario sotto processoper le botte alle Montereale

Bari, D'addario sotto processo
per le botte alle Montereale

 
Bari, mazzetta da 3mila euroPoliclinico: atto vergognoso

Bari, mazzetta da 3mila euro
Policlinico: atto vergognoso

 
Il Papa torna in Pugliain onore di don Tonino

Il Papa torna in Puglia
in onore di don Tonino -Ft

 
Bari, da «ricordini» da 2mila €alle minacce in greco antico:in aula assessore intimidito

Bari, «ricordini» da 2mila €
e minacce in greco antico:
in aula assessore intimidito

 
La truffa delle lenticchiedue denunce ad Altamura

La truffa delle lenticchie
due denunce ad Altamura

 

MEDIAGALLERY

Papa Francesco

Molfetta, la messa di Papa Francesco
2a tappa su luoghi di don Tonino Bello

 
Bradanica, dopo 50 anniaperti i primi 8 chilometri

Bradanica, dopo 50 anni
aperti i primi 8 chilometri

 
Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

 
Tentata estorsione, fermati  avvocato e maresciallo Gdf

Tentata estorsione, fermati
avvocato e maresciallo Gdf

 
Tre arresti nel Foggianoper una serie di rapine e furti

Tre arresti nel Foggiano
per una serie di rapine e furti

 
Rapina ed estorsione ad Andria arrestati minori di 16 e 17 anni

Rapina ed estorsione ad Andria, arrestati minori di 16 e 17 anni

 
Barletta, in giro uomo armato di pistola

Barletta, in giro uomo armato di pistola

 

LAGAZZETTA.TV

Spettacolo TV
La morte di Prince resta impunita

La morte di Prince resta impunita

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Economia TV
Lagarde: in arrivo nubi sull'economia

Lagarde: in arrivo nubi sull'economia

 
Italia TV
Presa la banda dell'assalto al caveau

Presa la banda dell'assalto al caveau

 
Meteo TV
Previsioni meteo per sabato, 21 aprile 2018

Previsioni meteo per sabato, 21 aprile 2018

 
Mondo TV
Movimento punk finanziato da ex Urss, ma e' fake

Movimento punk finanziato da ex Urss, ma e' fake

 
Sport TV
Motogp, oggi le libere ad Austin

Motogp, oggi le libere ad Austin

 
Calcio TV
E Simy fa Ronaldo

E Simy fa Ronaldo