Cerca

Martedì 12 Dicembre 2017 | 23:03

il caso

Bari, quartiere Madonnella
«Senza parcheggi
come prigionieri in casa»

La protesta di un professionista: «Anche i residenti devono essere tutelati»

la multa

BARI - «La multa l’ho pagata perché ho commesso una violazione del codice della strada. Ma quella sera ero davvero esasperato. Il Comune ha il dovere di tutelare anche i residenti dei quartieri che hanno subìto l’invasione dei locali e di conseguenza dei giovani che li frequentano fino a tarda ora».

A denunciare il problema della mancanza di parcheggi a Madonnella, in particolare nella zona umbertina, è uno stimato professionista, che si sente prigioniero in casa. Continua: «Il piacere di uscire, di trascorrere un po’ di tempo con gli amici o a teatro è condizionato dall’orologio».

Quella volta il blitz, ad opera degli agenti della polizia municipale, è scattato all’una e mezza, nella notte compresa fra venerdì e sabato scorso. Il bilancio, venuto alla luce la mattina seguente, è stato di una raffica di sanzioni fatte intorno alle piazze della movida.

Racconta il residente: «Quella sera, stanco di girare a vuoto, come purtroppo spesso accade, ho lasciato la macchina in parte sulle strisce pedonali, con l’intenzione di spostarla all’indomani intorno alle 8. Troppo tardi: la multa è stata fatta all’una e trenta a me e a tanti altri che avevano comunque la necessità di rientrare a casa».

Spiega il professionista: «Nonostante abbia il pass, i posti auto dopo le 20.30 vengono occupati dai clienti dei pub, dei ristoranti, delle pizzerie, dei bar, una quarantina di locali concentrati su pochi isolati. Il Comune ha il dovere di trovare una soluzione: o prolungare fino alla notte la sosta a grattino oppure riservare una quota dei parcheggi ai residenti del quartiere. La repressione, in assenza di alternative, serve solo a fare cassa».

Un gruppo di abitanti ha già presentato una diffida formale, una sorta di tutela contro schiamazzi, spaccio, risse e parcheggiatori abusivi. [ant. fan.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione