Cerca

Mercoledì 22 Novembre 2017 | 23:10

ambiente

«È il mare il nostro vero petrolio»
Il sindaco di Polignano alza le barricate

Rilanciato il no della città alle trivellazioni al largo della costa

Polignano

di PATRIZIA GRANDE

POLIGNANO - «Il nostro vero petrolio è il mare che costituisce per tutti noi una fonte reale di ricchezza»: così Domenico Vitto, sindaco di Polignano, rilancia il no alle trivelle che aveva visto la cittadina in prima linea, all’insegna dello slogan #difendiamo la bellezza. Com’è noto, con decreti del 31 agosto, il Ministero dell’Ambiente ha espresso giudizio positivo di compatibilità ambientale per la ricerca di idrocarburi nei tratti di mare prospicienti le coste baresi e salentine, proposta dalla «Global Petroleum limited».

Una decina di giorni fa, il sindaco Vitto aveva scritto al presidente della Regione Michele Emiliano, evidenziando l’opportunità di fissare un incontro con tutti i Comuni interessati per verificare tutte le iniziative e le azioni da intraprendere per bloccare l’attuazione del progetto di trivellazioni al largo delle coste pugliesi.

Adesso Vitto ha scritto ai diversi comuni (Molfetta, Giovinazzo, Bari, Mola di Bari, Monopoli, Fasano, Ostuni, Carovigno, Brindisi, San Pietro Vernotico, Torchiarolo) e, dopo aver sentito il parere di esperti in materia, ha chiesto loro di far conoscere le proprio determinazioni in merito alla possibilità di proporre ricorso contro i decreti ministeriali, opportunità che scade il 30 ottobre.

D’altra parte la questione trivellazioni costituisce da tempo una delle priorità per Vitto, appena eletto presidente regionale dell’Anci: «Dobbiamo sostenere una cultura ambientalista che possa sostenere e spronare le amministrazioni comunali a fare di più e meglio in materia di tutela ambientale, dando voce alle realtà territoriali che vogliono difendere la bellezza da speculazioni di sorta, dagli scempi imputabili a fenomeni di inciviltà ai pericolo che corre il nostro mare, passando per i rischi della salute dei nostri cittadini».

L’elezione di Vitto, avvenuta per acclamazione, lancia ancor più Polignano in una prospettiva di crescita: «Sono grato alle forze politiche di destra e di sinistra - conclude Domenico Vitto - per avermi sostenuto e in particolare al presidente nazionale dell’Anci Antonio De Caro e al presidente della Regione Michele Emiliano. Il ruolo di presidente dell’Anci non è quello di un uomo solo al comando, è intriso di collegialità, nella consapevolezza che tutti i soci avranno voce, che si tratti di un piccolissimo comune o di una grande città. Tengo molto alle mie idee politiche, alle mie radici, ma non mi saranno mai di intralcio nel portare avanti un mandato che vuole essere unitario».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione