Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 18:53

Omicidio Labriola

Psichiatra uccisa a Bari
Il marito: «Paola aveva paura»

In aula Vito Calabrese, coniuge della psichiatra barese ammazzata da un paziente quasi 4 anni fa nel Centro di salute mentale

Psichiatra uccisa a BariIl marito: «Paola aveva paura»

«Paola diceva che aveva paura». Vito Calabrese, il marito di Paola Labriola, la psichiatra barese uccisa da un paziente quasi quattro anni fa nel Centro di salute mentale di via Tenente Casale a Bari, ha raccontato in aula le confidenze che sua moglie gli faceva di ritorno dall’ufficio. L'uomo è stato chiamato a testimoniare nel processo in corso nei confronti di sei imputati, tra i quali l’ex direttore generale della Asl di Bari Domenico Colasanto, accusati di non aver garantito la sicurezza nella struttura dove la dottoressa lavorava.

«Paola temeva alcuni pazienti - ha raccontato il marito - e spesso mi parlava dell’inadeguatezza della struttura, della necessità di un adeguato servizio di vigilanza all’ingresso e dell’aggressione subita da una sua collega». Nell’udienza è emerso, infatti, che circa un anno prima che la psichiatra fosse ammazzata, un altro medico era stato aggredito da un paziente nello stesso Csm, nel quartiere Libertà di Bari. Da quel momento c'erano state numerose segnalazioni alla direzione generale in cui i medici chiedevano provvedimenti per la sicurezza. Segnalazioni quasi del tutto ignorate, fino alla tragica morte della dottoressa Labriola. Peraltro l’ausiliario in servizio all’ingresso, trasferito dopo i tanti solleciti, quel giorno era in ferie.

La psichiatra fu uccisa la mattina del 4 settembre 2013 con 70 coltellate dal 40enne Vincenzo Poliseno, già condannato in appello a 30 anni di carcere per il delitto. Oltre all’indagine sull'omicidio, il pm di Bari Baldo Pisani avviò subito accertamenti sulle carenze relative alle misure di sicurezza, ipotizzando nei confronti di Colasanto i reati di morte come conseguenza di altro reato, omissione di atti d’ufficio e induzione indebita a dare o promettere utilità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione