Cerca

Mercoledì 22 Novembre 2017 | 03:04

indagini dei carabinieri

Arrestati padre e figlia
in spedizione punitiva
volevano uccidere una coppia

tentato omicidio a Bitonto

BARI - Una sorta di omicidio d'onore che risponde ad una regola non scritta ma che si deve rispettare. Un uomo e la figlia sono stati arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Molfetta e da quella di Bari S. Paolo al termine di indagini che hanno appurato che il ferimento di una giovane coppia era da ricostruire in una fitta rete di legami parentali. L'uomo arrestato, il 56enne bitontino Cassano Cosimo e la figlia Maria Adelaide avevano infatti ripetutamente sparato in un agguato al marito di quest'ultima e la nuova compagna mentre erano appartati, il 10 marzo scorso alle porte di Bitonto nei pressi del campo sportivo.

Il suocero del giovane e la figlia avevano, infatti, deciso di vendicarsi del tradimento del giovane che, sfidando una sorta di codice d’onore, aveva deciso di lasciare la moglie per stringere una relazione sentimentale con una giovane ragazza di Giovinazzo (BA); il tutto nonostante fosse stato richiamato più volte a tornare fra le mura domestiche.

Nella ricostruzione, supportata anche da immagini di una videocamera, si vede distintamente tutto l'accaduto. 

Era la mezzanotte dello scorso 10 marzo quando, nei pressi del campo sportivo di Bitonto, il 28enne C.C., con precedenti penali, si trovava all’interno della sua utilitaria in compagnia della sua attuale compagna, una 20enne incensurata di Giovinazzo (BA). Ad un certo punto, da un’auto di colore scuro, partono dei colpi di pistola all’indirizzo del veicolo. Due degli occupanti, un terzo sarebbe in via di identificazione, scendono dall’auto; l’uomo continua a sparare contro il veicolo. In tutto 5 i colpi esplosi. A questo punto, la fuga ad alta velocità verso Bari, con l’auto scura alle calcagna, fino a quando, all’altezza dell’Hotel Parco dei Principi, a causa dello scoppio di un pneumatico, la folle corsa si interrompe e l’auto che inseguiva si dilegua. Il resto lo raccontano i due giovani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione