Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 12:25

Il dg Montanaro: uno dei due casi al mondo

Intervento al Di Venere
di ricostruzione dell'aorta
con una tecnica innovativa

Intervento al Di Venere di ricostruzione dell'aorta  con una tecnica innovativa

BARI - Una procedura di ricostruzione dell’aorta toraco-addominale, con tecnica endovascolare, in un paziente affetto da aneurisma sacciforme, non idoneo alla chirurgia a cielo aperto in quanto già operato al polmone e sottoposto a chirurgia renale, è stata eseguita con successo nell’ospedale Di Venere di Bari. Lo comunica il direttore generale della ASL Bari Vito Montanaro, riferendosi all’intervento ("il secondo al mondo") eseguito il 29 marzo scorso dall’equipe dell’Unità Operativa di Chirurgia Vascolare diretta da Giuseppe Natalicchio, in collaborazione con un centro specialistico di Miami.

«Per rendere possibile l’intervento - illustra il dg - stata progettata e costruita un’endoprotesi aortica fenestrata diversa dalle altre fatte su misura che abitualmente vengono utilizzate, affinché potesse adattarsi perfettamente alla anatomia del paziente sfruttando i pochi millimetri a disposizione, fosse estremamente versatile, avesse punti di riferimento radiopachi in modo da consentirne il posizionamento con estrema precisione». L’intervento è durato circa due ore: buone le condizioni generali del paziente che già nelle prime 24 ore dopo l'intervento si è alimentato e ha cominciato a camminare.

«Si tratta, in base a quanto riferito da chi ha fornito l'endoprotesi con fenestrature fatta su misura, di uno dei soli due casi al mondo di interventi realizzati con tale tecnica», spiega Montanaro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione