Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 22:10

Verso le primarie: i dati

Circoli Pd, Emiliano vince
in provincia ma «cede» Bari

Il Governatore ottiene il 51,3% nei 49 circoli provinciali, Renzi si attesta al 42%, Orlando all'8,5%

Circoli Pd, Emiliano vincein provincia ma «cede» Bari

Ninni Perchiazzi
Michele Emiliano resiste e batte Matteo Renzi nella sua Terra, pur dovendo cedere lo scettro a Bari città, sconfitto in sette sezioni su nove.
Così i 49 circoli del Partito democratico della Terra di Bari (39 in provincia, 9 a Bari più un seggio per universitari e fuori sede) contribuiscono a far valicare la soglia del fatidico 5% nazionale al presidente della Regione Puglia in chiave primarie per la segreteria nazionale. Grazie alle indicazioni degli iscritti al Pd, l’ex sindaco ha sconfitto l’ex premier, ottenendo 3.626 voti rispetto a 2.846, mentre la mozione del ministro Andrea Orlando si è fermata a quota 600.
Numeri che in termini percentuali si traducono nel 51,3% in favore del magistrato in aspettativa, nel 40,2% ottenuto dal segretario dimissionario e nell’8,5% fatto registrare dall’attuale ministro della Giustizia.
La chiamata alle urne di inizio primavera serviva ad individuare i candidati per le primarie di fine aprile (aperte a tutti), il cui esito potrebbe incoronare il nuovo segretario nazionale dei Dem (in caso uno dei contendenti ottenga più del 50 % dei consensi) oppure rinviare l’elezione al successivo congresso nazionale del Pd. In tale ottica, le consultazioni di domenica hanno anche determinato il numero dei delegati per l’eventuale assemblea nazionale. Il risultato barese ha così attribuito 148 delegati ad Emiliano, rispetto ai 123 ottenuti da Renzi ed ai 29 di Orlando.
provinciaNei seggi allestiti nel barese in ben 26 comuni l’ex pm ha messo in riga i rivali, con il segretario uscente del Pd a prevalere in 13 città ed Orlando da terzo incomodo e mai vincitore. Ma ecco qualche particolarità: a Triggiano è finita 76 pari (con 5 voti al guardasigilli), mentre Emiliano s’è visto superare per un solo voto ad Alberobello (10 a 9) e Gioia del Colle (22 a 21), ma l’ha spuntata per due preferenze a Bitetto (26 a 24) e Grumo (15 a 13). Il governatore della Puglia dunque, ha trovato delle roccaforti in Acquaviva, Altamura, Capurso, Castellana, Cellamare, Conversano, Gravina, Modugno, Mola, Molfetta, Monopoli, Polignano, Poggiorsini, Sannicandro, Turi e Valenzano. Vittorie, ma con distacchi più risicati invece, ad Adelfia, Bitonto, Cassano, Corato, Noicattaro, Palo, Ruvo, Santeramo.
Blitz dei renziani, invece, a Bitritto, Casamassima, Giovinazzo, Locorotondo, Noci, Noicattaro, Putignano, Rutigliano, Sammichele e Toritto.
bari città Nel capoluogo, all’ex capo del Governo riesce il ribaltone, incamerando il 55% dei consensi rispetto al 38% raggiunto dall’ex sindaco ed il 17% attribuito ad Orlando. Nella «sua» Bari, Michele il gladiatore la spunta solo nei circoli di Carrassi (113 voti a 64, 6 delegati a 3) e Carbonara (118 a 87, ma 2 delegati ciascuno), a cui si aggiunge il seggio di Bari Università, dedicato ai fuorisede, con 7 voti a 3 (e 2 delegati a zero), per poi soccombere a Japigia (117 a 222), Libertà (68 a 84), Madonnella (14 a 72), Murat (38 a 59), Palese-Santo Spirito (42 a 130), Picone-Poggiofranco (117 a 209) e San Paolo (57 a 64).
L’inatteso successo renziano a Bari città è il frutto di 991 voti contro 685 di Emiliano ed i 123 di Orlando, mentre in termini di delegati, la sfida si traduce in 39 pro Renzi, 22 per Emiliano e 8 all’attuale titolare della delega alla Giustizia. A sostenere l’ex sindaco gigliato, il primo cittadino barese, oltre al segretario regionale Dem, Marco Lacarra e al deputato Alberto Losacco. «Sono contento per il risultato ottenuto da Emiliano a livello nazionale. Michele è un pezzo importante di questo partito», afferma un laconico presidente dell’Anci nazionale, che non ha tradito la nota amicizia col premier, ma certo non intende infierire sul suo padre politico. Losacco invece definisce «straordinario il risultato della città di Bari. Un risultato affatto scontato, che va al di là delle nostre aspettative».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione