Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 14:18

dopo 16 anni

Punta Perotti, tribunale
respinge risarcimento

abattimento dei palazzi di Punta Perotti

BARI - Con una sentenza favorevole per il Comune di Bari, stamane si è concluso il primo grado del giudizio, durato più di 16 anni, promosso dalla GIEM, che aveva richiesto un risarcimento di 52 milioni di euro per presunti danni subiti a carico dei suoli di proprietà della stessa società, compresi nell’intero complesso di 'Punta Perotti', abbattuto negli anni scorsi sul lungomare a sud di Bari perché ritenuto abusivo. Ne dà notizia in una nota il Comune di Bari.

Il giudice si è pronunciato sulla domanda proposta da GIEM nei confronti dei venditori del suolo, i Levi Montalcini, respingendola, affermando che il bene oggetto della compravendita era edificabile, come attestato dal certificato di destinazione urbanistica rilasciato dal Comune di Bari e allegato all’atto di compravendita, e lo stesso, come accertato dal Ctu, è ancora oggi edificabile, pur essendo necessaria l'autorizzazione paesaggistica. Pertanto non ci sono i presupposti per una azione di risoluzione del contratto per inadempimento e neppure di nullità del contratto per impossibilità o illiceità dell’oggetto.
La GIEM, invece, proponeva nei confronti dei Levi Montalcini azione di risoluzione per inadempimento, sostenendo che i proprietari Montalcini avevano venduto il suolo come edificatorio, mentre era poi emerso, come affermato dalla Suprema Corte, che lo stesso non aveva alcuna vocazione edificatoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione