Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 00:09

la città che cambia

Il Comune, in via Sparano
le pendenze saranno ridotte

Nuovi interventi sul primo isolato per ripianare i dislivelli la riqualificazione

Il Comune, in via Sparanole pendenze saranno ridotte

di Antonella Fanizzi

La pavimentazione già realizzata sul primo isolato di via Sparano, quello compreso fra piazza Moro e via Crisanzio, sarà in parte rifatta. Per ridurre la pendenza che al momento è del 6,6 per cento, comunque inferiore rispetto a quella originaria, saranno effettuati interventi sulle canaline di deflusso dell’acqua piovana. In pratica sarà alzata la parte centrale.

A seguito delle proteste sollevate dai residenti, dai commercianti e dalle associazioni dei portatori di handicap, il sindaco Antonio Decaro ha chiesto alla ditta De Marco, che si è aggiudicata l’appalto per il restyling della strada regina dello shopping, di apportare quelle modifiche utili a rendere più semplice e sicuro il passeggio, soprattutto per i diversamente abili in carrozzina.

«La pendenza - spiega il responsabile del procedimento, Claudio Laricchia - al termine delle opere, che avranno una durata di 8-9 giorni, oscillerà fra il 3,5 e il 4 per cento. Di più non si può fare dal momento che si tratta di una strada storica dove i salti di quota, in alcuni casi, sono addirittura del 14 per cento. Fra il lato destro e il lato sinistro di questo isolato la differenza era pari a 36 centimetri, poco visibile fino a quando ci sono stati i marciapiedi». Questo riposizionamento non comporterà né costi aggiuntivi né lo stop del cantiere.

Le polemiche hanno riguardato anche la presunta scivolosità del pavimento. I tecnici del Comune e quelli dell’azienda, pur ribadendo che il rivestimento è a norma, hanno previsto di passare una spatola di acciaio per consumare la superficie.

Tali decisioni sono state prese al termine di un incontro con gli operatori commerciali, che si è tenuto a Palazzo di Città. Il sindaco, insieme agli assessori ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso, e allo Sviluppo economico, Carla Palone, ha ascoltato le lamentele dei negozianti. Gli operatori della ristorazione e della moda hanno manifestato disagi per la presenza di due cantieri sul primo e sull’ultimo isolato di via Sparano, in contemporanea con gli scavi in altre due zone, che stanno effettuando l’Acquedotto pugliese e l’Amgas con l’obiettivo di potenziare la rete dei sottoservizi. Il sindaco ha garantito una maggiore pulizia, che sarà fatta con gli idranti, per contenere la polvere, ma ha rimarcato: «La scelta di far funzionare più cantieri insieme è dettata dall’esigenza di comprimere i tempi. In ogni caso Aqp e Amgas dovranno liberare la strada entro maggio».

A richiedere sforzi aggiuntivi, man mano che la riqualificazione andrà avanti, saranno però le pendenze: sono tutte differenti a seconda degli isolati. Per esempio fra corso Vittorio Emanuele e via Piccinni la differenza di altezza da destra a sinistra è di 21 centimetri. Persino le quote degli edifici e le soglie dei negozi non sono tutte uguali. Sarà necessario trovare adeguate soluzioni isolato per isolato.

Infine, riguardo alla riunione di ieri, il consigliere di opposizione Irma Melini (Gruppo Misto), passa all’attacco: «Sono sconcertata per l’atteggiamento assunto ancora una volta dal sindaco Decaro che non mi ha permesso di partecipare all’incontro con i commercianti di via Sparano sui disagi del cantiere voluto da questa amministrazione. A fronte del grossolano errore sulle pendenze del primo isolato e dei problemi arrecati, ritengo che Decaro debba cercare di essere più inclusivo. Peggio, poi, se pensiamo che gli stessi commercianti sarebbero stati favorevoli ad un incontro a porte aperte».

Conclude: «Negare l’accesso ad un consigliere comunale, peraltro vice presidente della commissione Lavori pubblici, parte attiva della raccolta di firme contro il progetto firmato dall’archistar Guendalina Salimei e autrice di diverse interrogazioni sul tema, ritengo che sia uno sgarbo istituzionale inutile che fa male alla città».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione