Cerca

Venerdì 24 Novembre 2017 | 17:50

I dati

Traffico intenso e molti rumori
Legambiente bacchetta i baresi

I livello di inquinamento acustico sono superiori ai limiti di legge

Traffico intenso e molti rumoriLegambiente bacchetta i baresi

ANTONELLA FANIZZI

Migliorano i dati sulla qualità dell’aria, ma i livelli dell’inquinamento acustico sono superiori alla norma persino in via Argiro, strada pedonale però attraversata in maniera occasionale dai motorini, che sfrecciano incuranti dei divieti.
A bocciare i baresi fracassoni e ancora troppo legati all’automobile sono i volontari di Legambiente che, in occasione dell’arrivo in stazione del Treno verde, simbolo della campagna nazionale promossa dall’associazione, hanno monitorato i livelli di smog e di rumori.

In tutti e cinque i punti nei quali domenica e lunedì sono state effettuate le rilevazioni - e cioè corso Cavour nelle vicinanze del liceo scientifico Scacchi, via Vito Fornari all’altezza della scuola Mazzini, via Argiro, corso Vittorio Emanuele all’incrocio con via Da Bari e corso Italia all’incrocio con via Quintino Sella - i decibel registrati hanno superato la soglia consentita dalla legge. «Anche per questo - spiega Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia - chiediamo che nel capoluogo pugliese venga approvato un piano di zonizzazione acustica, obbligatorio ormai da tempo. Nonostante negli ultimi anni non siano mancate le buone pratiche sul fronte della mobilità sostenibile, come i parcheggi di scambio, la tariffazione concentrica e, in ultimo, la velostazione, resta ancora poco il verde urbano fruibile e risultano assenti le “zone 30” che favoriscono gli spostamenti sicuri a piedi e in bici. Per ridurre l’inquinamento acustico e atmosferico sarebbe opportuno potenziare e rendere più efficiente il trasporto pubblico urbano che continua a perdere passeggeri».

È comunque soddisfatto l’assessore all’Ambiente del Comune, Pietro Petruzzelli: «Le scelte politiche degli ultimi dieci anni nel campo della tutela dell’ambiente e della mobilità sostenibile si sono rivelate efficaci. Proseguiremo in questa direzione con l’acquisto di 54 nuovi autobus, con gli interventi tesi a disincentivare l’uso di auto private, come il car sharing e i parcheggi di scambio, la pedonalizzazione di alcune aree urbane e l’ampliamento delle strade a grattino, e il piano per l’esecuzione di una serie di rotatorie nei punti più trafficati della città, che consentono di rendere più fluida la circolazione e di diminuire il fenomeno dello stop & go e del clacson selvaggio ai semafori».

Il Comune ha inoltre candidato ai finanziamenti ministeriali un progetto che prevede l’offerta di «buoni di mobilità», anche sotto la forma di incentivi economici, da riconoscere a quanti rinunceranno ad utilizzare le auto private per gli spostamenti casa/lavoro e casa/scuola optando per mezzi di trasporto sostenibili o per autobus e treni.

«L’impegno per il miglioramento della qualità dell’ambiente urbano - prosegue Petruzzelli - passa anche dalla riduzione dell’inquinamento acustico, obiettivo che intendiamo conseguire attraverso l’adozione del piano comunale di classificazione acustica e di zonizzazione. Si tratta di una ricognizione che ci consentirà di suddividere il territorio in aree acusticamente omogenee e di pianificare gli interventi necessari nelle zone che presentano maggiori criticità, come le scuole e gli ospedali. A dicembre scorso abbiamo avviato le procedure amministrative per la redazione del piano. Terremo presente la mappa strategica dell’agglomerato di Bari prodotta da Arpa Puglia, dalle cui conclusioni emerge con chiarezza come la principale sorgente di rumore sia rappresentata dal traffico stradale. Faremo un lavoro sul fronte della sensibilizzazione, a partire dalle nuove generazioni, perché una delle cause principali dell’inquinamento acustico della nostra città dipende dallo scarso senso civico degli automobilisti e dei motociclisti che spesso e volentieri utilizzano il clacson a sproposito».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione