Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 16:09

«Guerra» tra volontari

Noci, l'adozione dei randagi
scatena la polemica politica

Noci, l'adozione dei randagiscatena la polemica politica

di VALENTINO SGARAMELLA

NOCI - Tensione politica alle stelle tra l’amministrazione comunale ed il consigliere Paolo Conforti della minoranza. L’ultima questione è l’adozione dei cani randagi da parte di un’associazione onlus «Sos Adozioni4zampe».
Il 1 settembre 2016, viste le numerose segnalazioni provenienti dai cittadini e dal comando di polizia locale circa la presenza sul territorio comunale di diversi cani randagi, risultati anche aggressivi e dunque pericolosi per l’incolumità delle persone, e l’impossibilità ad usare il canile sanitario di Cassano, il sindaco, Domenico Nisi, emetteva un’ordinanza per trovare una temporanea soluzione al problema. Si è così provveduto all’accalappiamento dei cani, sistemandoli presso una scuola rurale sita sulla strada Noci-Mottola, in contrada Piano. In seguito, il sindaco autorizzava l’associazione ad occuparsi dei cuccioli.

Il consigliere Conforti ritiene sprovvista di autorizzazioni la struttura e pericolosa per gli animali e i veicoli che transitano lungo la strada, allertando l’Asl.
Domenica mattina ha raccolto 250 firme in piazza Garibaldi in calce ad una petizione per l’apertura di una struttura munita di ogni autorizzazione. In contemporanea, l’amministrazione provvedeva a diffondere nella stessa piazza volantini. «La struttura funge da ricovero provvisorio per cani randagi ed è frutto di un volontariato spontaneo, fatto con amore e cura da alcuni cittadini», recita il comunicato. «L’improvviso interesse del consigliere Conforti ha prodotto solo un danno alla onlus a cui è stata recapitata una sanzione amministrativa sollevando manifestazioni di protesta della comunità nocese e di chi ha davvero a cuore gli animali».

La raccolta di firme in piazza è definita nel volantino finalizzata alla «realizzazione di un canile fantasma; per quello reale c’è già un progetto con parere positivo dell’Asl e per cui stanno partendo le procedure di gara».
Conforti ricostruisce: «quella scuola rurale è fatiscente e priva di requisiti normativi come dichiarato dalla stessa associazione». Ancora: «a settembre 2016 facevo notare al sindaco che il dilagante fenomeno del randagismo richiedeva un intervento immediato ed urgente». Racconta: «giorni fa fu investito un cane su quella strada mettendo in serio pericolo la vita del conducente del veicolo ed uccidendo il cane, una quindicina di cani sono ammassati nella struttura priva di requisiti igienico-sanitari e normativi, senza recinzioni, con inferriate basse ed arrugginite, come i serbatoi di acqua». Conclude: «al mio sopralluogo ho trovato cani al di fuori della struttura che passeggiavano su una strada provinciale ad alta percorrenza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione