Cerca

Sabato 25 Novembre 2017 | 05:09

La notte di San Silvestro

Bari, la festa in piazza
Botto, 13 feriti: 5 gravi

Bari, la carica dei 70milafesta in piazza blindata

Ne erano attesi 70mila, c'è chi dice più di 100mila, la Questura precisa che «non fa stime». Decine di migliaia di giovani, ma anche famiglie, hanno comunque colorito la notte di Capodanno in piazza a Bari. Il tanto atteso concerto del trio Fedez, J-Ax e Rovazzi ha trasformato piazza Libertà in un grande palcoscenico soprattutto per i giovanissimi (Video). Sono arrivati da ogni parte per assistere alle performance dei due rapper e dell'icona dell'"Andiamo a comandare". Sul palco onnipresente la celebre fashion blogger e fidanzata di Fedez, Chiara Ferragni che ha ripreso lo spettacolo. Si è parlato, come già detto, di almeno 100mila persone a più riprese, dato fornito dagli organizzatori e dal Comune (foto), ma la Questura «non conferma perchè non facciamo stime», ha precisato questa mattina al telefono il questore Carmine Esposito tuttavia soddisfatto «per il dispositivo di sicurezza che ha funzionato alla perfezione».

Al di là del solito valzer sui numeri, diversi locali che sono rimasti aperti in nottata hanno registrato incassi inferiori rispetto all'anno scorso, segno inequivocabile di un minor afflusso di gente forse anche a causa dei serrati controlli antiterrorismo. Il concertone è stato preceduto dalla fortificazione degli accessi al quadrilatero murattiano con l'installazione di new jersey in cemento o di blocchi in calcestruzzo da un metro cubo a tutti gli accessi della cosiddetta zona rossa della festa come misura preventiva antiterrorismo dopo l'attentato con il tir a Berlino: ma questa mattina i blocchi erano stati già rimossi. Forze dell'ordine schierate lungo tutto il perimetro della manifestazione ma anche in diverse zone della città dove non è mancato il tradizionale appuntamento con i botti di fine anno soprattutto in quartieri come il rione Libertà.

A salutare sul palco l'arrivo della mezzanotte, il sindaco Antonio Decaro: non so se sia stati il più bel Capodanno d'Italia - ha detto - di certo è stato un bellissimo Capodanno.

BOTTI: IL BILANCIO - Il bollettino dei botti di fine anno fa registrare 13 feriti nelle province di Bari e Bat, nonostante i sequestri e le operazioni delle forze dell'ordine. Unico dato in ascesa (in trend con il dato nazionale), il numero dei minorenni coinvolti in incidenti con i petardi avvenuti soprattutto in provincia. Cinque i feriti più gravi, in prognosi riservata, ricoverati presso il Policlinico di Bari; due di questi sono due 25enni albanesi, un altro è minorenne: si tratta di un ragazzo di 16 anni al quale è stata amputata una mano. Sequestrati circa 50 kg. di materiale pirotecnico e denunciate tre persone.

In provincia di Foggia, cinque i feriti, due in modo grave: si tratta di un 14enne di nazionalità romena che ha perso due dita della mano destra e di un trentenne, anch’egli romeno, ferito al volto. Il Ministero dell'Interno segnala comunque una riduzione del numero dei feriti rispetto allo scorso anno (dai 190 ai 184) pur sottolineando come le ferite più gravi sono determinate dalle amputazioni di dita o, come nel caso di Bari, di una mano. I vigili del fuoco hanno eseguito 68 interventi nel corso della notte in tutta la Puglia.

E’ invece di tre feriti il bilancio dei botti di capodanno in provincia di Taranto. Un 48enne, residente nel capoluogo, ha perso due dita di una mano dopo aver accolto per strada un petardo che è improvvisamente scoppiato. Il malcapitato è stato ricoverato nel reparto di Ortopedia dell’ospedale Santissima Annunziata. Un 22enne di Castellaneta, secondo i dati forniti da Asl e Questura, ha riportato escoriazioni e bruciature, mentre un uomo di 43 anni, di Martina Franca, è rimasto ferito alla guancia destra in modo non grave.

La notte di San Silvestro dello scorso anno erano stati cinque i feriti. Nell’ambito del servizio straordinario di controllo del territorio disposto dal comando provinciale, i carabinieri di Grottaglie hanno sequestrato 7 chili di artifici pirotecnici in un negozio di via Madonna di Pompei gestito da un cittadino di nazionalità cinese. A Taranto, invece, sono stati denunciati un 42enne e un 30enne che avevano allestito un banchetto con 4 kg di botti illegali destinati alla vendita. Numerosi i cassonetti incendiati e diverse strade del capoluogo sono state invase da rifiuti di ogni genere lanciati dal balcone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione