Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 15:03

Bari

Il pranzo per i senzatetto
nel dopolavoro ferroviario

Il pranzo per i senzatetto nel dopolavoro ferroviario

ANNADELIA TURI

Sguardi pieni di gioia che per qualche ora sembrano dimenticare le tristi vite, vissute un giorno sì e l’altro pure tra i binari. Seduti, a tavola, ma soprattutto in un posto caldo: nel salone del dopolavoro ferroviario, per gustare un pranzo vero e proprio. Prelibatezze tipiche pugliesi preparate da cuochi speciali per un giorno: gli agenti del Polfer. Un menù di tutto rispetto dedicato ai senzatetto che ogni giorno si aggirano nella stazione ferroviaria di Bari. Si è rinnovato anche quest’anno l’appuntamento natalizio del «pranzo della solidarietà» organizzato dai poliziotti e dal personale civile del Ministero dell’Interno, del Compartimento per la Puglia, Basilicata e Molise. Un evento al quale ha partecipato anche il direttore del servizio Polizia ferroviaria Armando Nanei.

A tavola davvero non manca nulla: salumi, focaccia e pane per antipasto. Tipico murgiano, invece, il menù del pranzo: orecchiette con i funghi, paternostri con fagioli murgiani e pane di Altamura. Il tutto condito dall’amore e dall’affetto dei poliziotti. «Ci siamo messi tutti col cuore a fare i cuochi e i camerieri per le persone che sono meno fortunate di noi – spiega Giancarlo Conticchio, dirigente del Compartimento della Polizia Ferroviaria per la Puglia, Basilicata e Molise –. Anche questo vuol dire essere poliziotti e vivere la nostra professione cogliendo soprattutto il lato umano di chi, seppur nelle difficoltà, ha tanto da insegnarci. L’augurio che faccio a queste persone è che questo Natale possa portare ad ognuno di loro ciò che manca».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione